Moda Donna, tendenze estate 2013

20 must have
Le sfilate dedicate alla primavera estate 2013, andate in scena a New York, Londra, Milano e Parigi sono ormai lontane. Ecco dunque un piccolo ripasso suoi trend della prossima stagione per non farvi cogliere impreparate dai primi caldi.

Come da tradizione Luxgallery ha, infatti, preparato una piccola guida delle tendenze. Un aiuto concreto per fare acquisti mirati e vivere la prossima stagione estiva al massimo dello stile.

Ovviamente si possono trovare spunti per tutti i gusti: colori pastello o neon, stampe grafiche o check, trasparenze o giochi di proporzioni e così via.
Fil rouge
sembra essere il lavoro sartoriale alla base dell’esclusività haute couture, ma di questi tempi dettaglio immancabile anche per il Prêt-à-Porter.

Vediamo le 20 tendenze must della primavera estate 2013:
1 Pancia scoperta, grazie a top corti. Unica indicazione l’addome deve essere scolpito.
2 Stampa foulard, un tocco classico per donne contemporanee. Ce n’è per tutti i gusti, parola chiave è fantasia.
3 Camicia bianca, meglio se d’ispirazione mannish, un passepartout irrinunciabile. Anche in valigia!
4 Pantaloni maschili, danno un tocco di sofisticata nonchalance. Essere eleganti non significa lasciare nell’armadio morbidezza e agio.
5 Bomber, è la giacca di stagione. Sportiva e semplice si impreziosisce grazie a tessuti pregiati o ricami da fuoriclasse.
6 Compostezza, alla ricerca di un nuovo minimal. Si gioca con le proporzioni e sul concetto di sottrazione che è ben lontano dall’essere banale.
7 Paillettes e lustrini, there’s a party. In estate non ci si può che divertire…tenendo sempre bene in mente che l’abito fa il monaco.
8 Pizzo, il vedo e non vedo che incanta e stupisce. L’estate, d’altra parte, è la stagione della seduzione.
9 Safari, tribale e glamorous. La regina del deserto, non rinuncia a essere sexy.
10 Vinile, tra i tessuti tecnici è il più glamour. Basta un dettaglio per essere dancing queen di sera, ma anche di giorno.
11 Gonna a matita, è il nuovo strumento di seduzione. Trasforma un banale look da ufficio in un outfit da femme fatale.
12 Graphics, rigato è bello. Ideale per chi ama indossare abiti creativi, teatrali e ovviamente di grande stile.
13 PVC, mai più senza. Un tocco futurista su mise bon ton e non solo.
14 Denim, va con tutto e non impegna senza essere necessariamente sportivo.
15 Flower power, senza essere banale. Se i fiori sono tra i must assoluti della primavera ecco che per questa stagione ci pensano i trattamenti a renderli un tocco decorativo d’avanguardia.
16 Oversize, i volumi diventano privi di peso tanto che gli abiti sembrano essere staccati dal corpo.
17 Oriente, da capo a piedi. Il romanticismo severo tipico della cultura nipponica arriva sulle passerelle interpretato da donne moderne tutt’altro che geishe.
18 Rete, è il dettaglio che fa la differenza.
19 Cubismo, di grande, grandissimo impatto. Rigore, astrazione e purezza per un risultato sorprendente.
20 Anni ’60, per mise vivaci, vitali e audaci. In passerella è un trionfo di capi imprevedibili e dall’allure vintage.

Fuori classifica perché insuperabile e intramontabile Little black dress: nasce dal genio di Coco Chanel e dal 1926 a oggi è sinonimo di stile ed eleganza senza tempo.

Avatar

Scritto da Francesca

Pinko apre a Milano

Fuorisalone 2013, eventi week end