Moda africana: una grande indefinita ricchezza del fashion system

E’ l’era della black revolution. L’aspetto più fascinoso di un Pianeta globalizzato è che grandi e piccole città si trasformano in compendi di etnie differenti e, nell’insieme, perfettamente assortite. La moda non è certo sorda all’influenza africana e la superiorità genetica del black color sta (ri)conquistando artisti, designer e passerelle di haute couture.

Sali su un taxi in via Moscova a Milano e dalla radio di un tassista distratto parte della musica R&B; per strada giovani di ogni etnia sfoggiano fieri i tratti rap del proprio guardaroba; ai vertici delle international companies ci sono business men afroamericani, uno tra tutti il nuovo direttore di Vogue UK, Edward Enninful, originario del Ghana. Fotografi come Prince Gyasi (campagna Apple 2019), stilisti come Virgil Abloh (man collection F/W 2019 di Louis Vuitton) nascono tutti sotto i cieli stellati di Mama Africa.

Perché la moda africana è semplicemente indefinibile

E’ forse arrivata la tanto agognata inclusione sociale afroamericana? Non solo signori, l’Europa, così come l’America sono decisamente naturalizzate africane circostanza che non fa che confermare una grande verità: l’Africa sprigiona una ricchezza culturale e artistica senza precedenti. Oggi, a 400 anni di distanza dal Middle Passage (quando i primi schiavi africani approdarono negli Stati Uniti, nel 1619) vediamo svettare su passerelle e spot pubblicitari un’innegabile componente di colore che arricchisce le trame della società contemporanea.

Cosa rende il Continente africano un luogo ricco di stimoli nonché parte naturale del DNA del fashion system? Centinaia di etnie dentro unici confini. Le demarcazioni geografiche dei 54 Paesi africani non nascono di propria sponte. Così emerge una cultura multiforme, eclettica e proprio per questo: incredibile e unica. Non è così strano che i tessuti multicolore, trame fantasiose e lunghi abiti di lino e cotone tornino di grande moda quest’estate 2019, right?

Ecco dunque che accanto all’impronta glamour della moda europea e alla leggendaria egemonia dello sportswear americano si affianca la matrice africana che non ha confini definiti, ma che influisce sostanzialmente sull’universo moda. Come definirla allora? Un mix di culture che si riversa tra trama e ordito dei tessuti e nelle fantasie che rievocano i colorati batik. E così l’occidente si è lasciato ispirare dalla moda africana: cosa prevede quindi la to buy list per l’imminente stagione soleggiata?

Colori decisi, tessuti leggeri, vestibilità extra confort ma non per questo meno glam, tutt’altro. Chiunque si rispecchi in uno stile esotico e simultaneamente contemporaneo non potrà che amare profondamente quello che la moda ha da offrire in questo peculiare periodo storico: la sua genesi? E’ radicata alla terra attraversata dall’Equatore.

Il colore: quello della terra

Brown is the new black. Tutto ciò che richiama i caldi colori dei deserti africani sarà assolutamente indispensabile per restare a passo con l’african style della prossima estate. Via libera quindi alle diverse tonalità di marrone, al rosso, al porpora e all’arancio. Divertitevi a giocare con fantasie insolite per il concetto occidentale, lasciatevi ispirare da pattern come il Bogolanil tessuto ricco di pittogrammi che racconta le storie delle tribù del Mali.

bogolan tessuto africano

O dal kenteun tripudio di ricami intrecciati  dalle mani di donne originarie dell’Impero ashanti.

kente africano

O dal wax, tessuto di lavorazione olandese ma diventato il tessuto tipico dell’Isola di Giava.

wax tessuto

Queste stoffe preziose sembrano vere e proprie opere d’arte e per coniugarle al meglio con quel che l’Africa insegna sarà sufficiente scegliere tessuti leggeri e morbidi, con tratti di trasparenze, con gonne ampie e vaporose, camicette a manica lunga per rimediare alle brezze serali purché di lino o cotone.

Gli accessori: oro e osso

Per completare veramente il guardaroba africano il vero segreto è esagerare con gli accessori. Oro e osso, assolutamente vietato l’argento, dimensioni eccessive e magari con qualche inserto di tessuto, corda o legno. Ecco qualche Pin d’ispirazione.

earring
Foto Pinterest
Foto Pinterest

Foto Pinterest
Foto Pinterest

L’argomento borse: altro accessorio assolutamente irrinunciabile, imperativo categorico! La rivisitazione della pochette occidentale ma con molto più stile ed è subito african vibes.

La dimensione over con i manici in osso o in corda è sempre una valida alleata per lo stile “giorno” estivo: creme e telo da mare d’emergenza non saranno più un problema.

Avatar

Scritto da Natalina Ginsburg

Kim Kardashian ci svela la propria cabina armadio da sogno

Jérôme Palaz

Jérôme Palaz: il modello svizzero dall’animo romantico