Autunno inverno 2007-2008: Alberto Incanuti

Un uomo e una donna dalla natura anomala e speciale

Milano Moda Uomo per Alberto Incanuti significa raccontare un lui che preferisce notare che essere notato. Un anonimato curioso e inaspettabile dall’aspetto inconsueto e assolutamente imprevedibile, scrupoloso e disarmonico, abitudinario e incurante.

Colori scuri, prevalentemente, punte di colore, raramente. Nero virato al verde, al viola, al grigio, ma anche pavone e avorio.

Lane gessate garzate e lavate, molto calde, ma dall’aspetto ruvido e un pò inclemente a dimostrazione di un carattere difficile; tela di lana pesante indurita, cotone panama invecchiato, Jacquard di lana su base teffetà, satin old, garze leggerissime jacquard in lana, crepe de chine con micro stampa egypt per pantaloni corti e larghi o lunghi e strettissimi e forati al ginocchio.

Fili in yak e lana, sottili in baby alpaca e lana cashmere, finezze grosse per hand made in lana e alpaca per la maglieria.
I maglioni sono oversize, lunghi sotto i cappotti e le giacche, ma anche aperti e da portare sopra tutto.

Parallelamente lo stilista ha presentato l’iconsueta preview della collezione femminile. Una lei con vocazione per il dramma, un’attrice del cinema muto, una lei che non vive una realtà, ma esiste solo attraverso un mezzo, un immagine, un film, un diario.

www.albertoincanuti.com

Avatar

Written by Redazione

La coppia Canè-Galliani si aggiudica la Winter Marathon

Un kit da collezione per Marc Jacobs