Milano Moda Uomo PE 2015, giorno uno

Il meglio visto in passerella

Chiuse la London Collections: Men e Pitti Uomo 86 e dopo aver visto da vicino i trend della moda uomo per la primavera estate 2015 visti proprio a Firenze, eccoci con gli occhi puntati su Milano Moda Uomo.

La kermesse meneghina ha preso il via lo scorso sabato 21 giugno e fino a domani terrà impegnati addetti ai lavori e appassionati di moda con un calendario ricchissimo e ben distribuito.

Tantissimi, come sempre, i big del fashion system internazionale che hanno infatti scelto Milano per presentare le anticipazione per la prossima estate, ma andiamo con ordine.

Durante la prima giornata di Milano Moda Uomo attesissime in passerella erano le collezioni targate Ermenegildo Zegna, Costume National e Philipp Plein, di cui vi mostriamo in gallery alcuni outfit significativi e di cui vi parleremo approfonditamente in seguito.

Ad inaugurare la kermesse ci ha pensato Corneliani con una collezione primavera estate 2015 omaggio al bel vestile. Il designer dà lezioni di sartorialità con tagli puliti e non severi, forme relaxed e tessuti naturali. Classici senza essere noiosi né pretenziosi gli outfit raccontano la voglia di un’eleganza leggera. Capi iconici pantaloni morbidi, giacche di tutte le fogge e lavorazioni che vanno dai blazer severi agli spolverini decostruiti.

Grande debutto a Milano Moda Uomo di Christian Pellizzari, giovane designer trevigiano tenuto a battesimo niente meno che da Giorgio Armani che lo ha ospitato nel suo Teatro di via Bergognone, come era successo a Stella Jean e a Au Jour Le Jour, confermando il suo impegno a sostegno dei giovani talenti.
In passerella Pellizzari porta un American Gigolò contemporaneo che indossa completi a stampe di peonie, cammina scalzo sulla passerella d’erba e porta alla caviglia un braccialetto di nappine di seta sotto pantaloni che si accorciano e cadono morbidi.

Sono le mappe d’arte di Arghiero Boetti ad ispirare la primavera estate 2015 di MSGM.
In passerella salgono outfit costruiti attorno a riferimenti temporali e di stile, diversi ma complementari. Massimo Giorgetti usa stampe tropicali per la maglieria a cui alterna il rigoroso vichy in black & white, disegna felci su pantaloni dal fit morbido, fa indossare giacche in denim legate in vita e bermuda over.

Omaggio a Milano e alla sua borghesia sulla passerella di Andrea Pompilio. Il designer pesarese crea outfit con tessuti raffinati e contemporanei e li colora con tinte tenui ad eccezione del giallo. Per Tom Notte e Bart Vandebosch di Les Hommes, la primavera estate 2015 si costruisce attorno a capi sportswearì con dettagli sartoriali. Importante lo studio dei tessuti. I pantaloni sono ora alla caviglia e sottili ora molto corti. Must have i capispalla dal bomber con intarsi in pelle ai parka decorati con righe a contrasto. Per la sera, il dettaglio è metallizzato.

Lo spirito rock’n’roll dell’uomo John Varvatos incontra, per la prossima estate 2015, un mood più casual e rilassato. Il risultato è una nuova visione dell’eleganza maschile, giovane e sexy. Sulla passerella dello stilista americano salgono capi che trovano equilibrio tra l’estetica del mondo classico con una sensibilità rilassata e romantica e la ricerca di nuovi tessuti, lavorazioni e uso dei colori.

Interessante la collezione presentata da Neil Barrett a Milano Moda Uomo. Tre i temi cardine struttura, volume e plasticismo. Le silhouette sono equilibrate, al pantalone slim viene accostato un capospalla ampio, i capispalla, giacca di jeans, il chiodo e la Harrington, danno l’impressione di essere fluttuanti e poi ancora felpe stampate, t-shirt con zipper laterali e dettagli metallici.

Si ispira a Cuba e alle strade dell’Havana Donatella Versace per la collezione Versace primavera estate 2015.
Colori pastello alternati a stampe botaniche, ricche lavorazioni, dal crochet di maglia alla rete di cotone e lurex passando per il macramè, e abbinamenti atti a creare la sua personale idea di lifestyle dominato dal lusso. I costumi e l’underwear citano l’Antica Roma e su di essi sono drappeggiate le lenzuola della linea Versace Home, a cui viene reso omaggio anche attraverso l’allestimento.

Fuori calendario, come sempre, Dolce&Gabbana, mentre tra le presentazioni in programma durante la prima giornata di Milano Moda Uomo dedicata alle anticipazioni della moda uomo per la primavera estate 2015 spiccano quelle targate: Trussardi, Marc Jacobs e Hogan quest’ultima allestista all’interno di un vecchio garage. Per la prossima stagione calda, Hogan rivisita in chiave moderna tutti i suoi elementi base. I pantaloni in felpa sono modellati su misura, le giacche sono ora ricamate ora tecniche indossate e le con camicie oxford e cravatte di maglia. Immancabili i mocassini penny loafer con suola in multistrato e rinforzi in gomma e riappare anche la prima sneaker elegante che ha fatto conoscere il brand nel mondo.

Nella nostra gallery trovate il meglio visto in passerella.

Avatar

Scritto da Francesca

Pitti Uomo 86, chiusura positiva

Richard Mille per Le Mans Classic 2014