Milano Moda Uomo PE 2014, martedì

Cosa abbiamo visto in passerella
Si è chiusa la kermesse meneghina dedicata alle anticipazioni menswear per la primavera estate 2014.

Ieri, martedì 25 giugno 2013, sotto i riflettori di Milano Moda Uomo hanno sfilato maison come Disquared2, Giorgio Armani e Ermanno Scervino.

Gli ultimi due défilé prima della chiusura sono stati dedicati alle creazioni di Z Zegna e Frankie Morello.

Dopo il successo della prima linea Ermenegildo Zegna firmata da Pilati e andata in scena il primo giorno, Paul Surridge ha portato in passerella le mise dedicate a giovani amanti del bien vivre e della mondanità di Z Zegna.

Comodità da una parte, eleganza formale dall’altra. In passerella troviamo dunque pijama-pants e camicie lunghe ispirate che sembrano più camicie da notte si abbinano o alternano a blazer con revers a contrasto, spacchi laterali e colli a v.

Se per il lavoro l’uomo Z Zegna non rinuncia a completi in seersucker per il tempo libro si fanno spazio impermeabili leggeri, giacche in denim e in pelle.

Frankie Morello, ultima collezione della settimana della moda milanese, confermano la vocazione per lo stile casual.
Maurizio Modica e Pierfrancesco Gigliotti usano la collezione per la prossima estate per lanciare messaggi forti e chiari attraverso scritte come “Food 4All”, cibo per tutti.

Il food è un tema chiave che troviamo sotto forma di stampa su maglie e felpe. I pantaloni sono larghi e si abbinano a camicie a righe e a giacche sartoriali.

Non mancano colori vivaci, dettagli con zip, giubbotti di pelle o di tessuti morbidi. Il divertimento sta poi negli accessori, ce n’è per tutti i gusti e esigenze.

Il testimone passa ora a Mode à Paris, la settimana della moda che animerà Parigi fino a domenica 30 giugno.

Avatar

Scritto da Francesca

RMK Marine, yacht di lusso di 45,3 metri

Milano Moda Uomo, i party più esclusivi