PE ’09: trionfano gli anni ’70 e le donne esploratrici

Da Mariella Burani a Iceberg, da Pollini ad Alessandro dell’AcquaLa parola chiave della Primavera Estate 2009 è seduzione.
Secondo alcune delle più grandi maison, la donna della prossima stagione sa quello che vuole e ama tirare fuori dall’armadio abiti dalla personalità forte.

Antonio Marras per la Primavera Estate 2009 si ispira all’artista francese Camille Claudel, portando in passerella abiti dal mood parigino di fine secolo.
A caratterizzare la collezione, tanti tipi di drappeggi: orizzontali, verticali, con fili sospesi alle spalle.
I toni pacati del tortora, del grigio e del beige vengono alternati alle stampe e ai dettagli metal degli abiti in crêpe de chine, o al rosa shocking e verde pino dei vestiti morbidi cui si sovrappone spesso un over in organza di tono contrastante.
Marras gioca con ruches o qualsivoglia volant, senza dimenticarsi il tulle ricamato e il taffetas.

Sul catwalk di Roberto Cavalli la seduzione diventa un gioco per donne imprevedibili e spensierate, trasformandosi in “un trend di stile fra colore, gioia e divertimento”.
Trine maliziose e intriganti e stampe floreali prendono il posto dei maculati o delle stampe animalier.
Roberto Cavalli attinge al rococò e lo ripropone in chiave moderna. Abiti bustier, ricchi di pieghe cucite a spirale in gazar di seta plastificata, alternati a lunghi abiti di chiffon romantici, solcati da ruches orizzontali.
A colpire sono i suggestivi ricami pavés di biglie verde menta, che impreziosiscono i microabiti ammiccanti, eterei caftani e il ritorno dell’abito trionfale da ballo.

La collezione Primavera Estate 2009 di La Perla non rinuncia al colore; ecco quindi che compaiono il turchese, il blu colibrì, il verde smeraldo e il viola orchidea su casacche folk chic, pantaloni vagamente bell bottoms e mini lavorate a soutache. Non mancano i decori: trafori macro sangallo, ricami a cordoncino, rosoni crochet, i boleri gioiello o candidi in macramè, abiti a tenda fluttuanti e tuniche e canotte ricamati di monetine.

La collezione PE 2009 disegnata da Frida Giannini per Gucci è un omaggio alla rigogliosa vegetazione tropicale e alla lussureggiante flora della foresta amazzonica e dei lussuosi resort di Malibù, Palm Beach e delle isole caraibiche.
Casacche caftano e miniabiti fluidi, completi maschili caratterizzati da giacche sciancrate e da pantaloni sartoriali: il look per la prossima estate si colora con toni squillanti e saturi come il turchese più acceso e il papaya e si ispira Oriana Fallaci nei panni di coraggiosa reporter di guerra.
Vera novità gli accessori, tra cui spiccano le borse Jackie con impunture a mano, doppia tracolla e nappe con dettaglio bambù, lo zaino bag in pitone colorato, che con un rapido movimento si trasforma in un’elegante borsa porta tutto, e scarpe dai plateau alti e tacchi fetish in legno o metallizzati.

Da Brioni, Giampiero Arcese, ex diValentino, Max Mara e Ferré, presenta una collezione tutta incentrata sui tessuti. La femminilità è esaltata da pantaloni che slanciano la figura, restringendosi verso la fine del polpaccio, e da casacche morbide, leggermente a sacco sulla schiena, sempre valorizzata da panneggi e scollature profonde.

Written by Francesca

Angelo Marani, donne eclettiche e vivaci

Mozart d’Oriente al San Carlo di Napoli