Milano Moda Donna: tessuti preziosi e accessori sofisticati

Antonio Fusco, Fuzzi, PierAntonioGaspari, Gattinoni, Taviani, Brunello Cucinelli, Shirò, Mario Valentino e molti altri hanno presentato le collezioni autunno-inverno 2008-2009

Materiali pregiati, linee eleganti, dettagli di alta sartoria, tocchi maschili, per le collezioni autunno-inverno 2008-2009 presentate a Milano Moda Donna.

Un po’ bambole da carillon un po’ fiere amazzoni le modelle che hanno sfilato nella boutique di via Sant’Andrea di Antonio Fusco, che celebra quest’anno i venticinque anni del marchio. Per l’anniversario lo stilista presenta alcuni modelli storici che lo hanno reso celebre, come il Cappotto Montecarlo, il Tailleur Milano e la Giacca Napoli.  Quest’ultima è conosciuta come la giacca doppio petto sartoriale di taglio maschile di Antonio Fusco. Il modello è stato riproposto con una silhouette moderna, più femminile, slim e sciancrata. La giacca originale ha 6 bottoni, questa è un doppiopetto a 8 bottoni, con rever a lancia. La fodera è personalizzata con il nuovo logo araldico, realizzata in colore a contrasto. Il tessuto è un Principe di Galles in finissimo Lambswool.

Tessuti sontuosi ed emozioni per Fuzzi, con una linea dedicata a una donna seducente e contemporanea, mutevole e chic. La collezione si ispira allo stile dell’artista poeta ed editrice dei primi anni del Novecento Nancy Cunard, con stampe florerali tradotte con un nuovo linguaggio, stampe di gusto etnico multicolor, stampe riprese dalla tradizione ottomana ed effetti pelliccia geometrica su capi e capi spalla raffinati e versatili. Il bianco avorio si fonde con torrone e quarzo, per giungere ai colori più intensi quali prugna, viola, rosso fino al color pigna, acciaio e nero. Piccoli e grandi volumi per i capi spalla insolitamente ricamati. Piumini di maglia, abiti dalla linea allungata sono dedicate a una donna iperfemminile.

La perfezione disumana di una replicante bellissima ha ispirato PierAntonioGaspari. Colori plastici, jersey urbani sintesi di diversi influssi etnici si uniscono in spazialità complesse, tridimensionali e luminescenti, riscaldate dai maxi volumi di maglia e dalle sfumature di velluto.

Gattinoni si ispira alla natura con un guardaroba nature-chic per donne dinamiche e metropolitane con dettagli rubati all’alta sartoria e una rigorosa eccentricità. Le linee esaltano la silhouette in uno stile che richiama gli anni ’40 e ’50. Le giacche sottolineano la vita e sono realizzate in tweed agugliati. Marrone, rosso, arancio i colori. Per la sera abiti dalle linee avvolgenti e lo smoking che diventa icona di sensualità grazie alla lavorazione dall’effetto flower.

Capi pratici ma femminili per Taviani che ripropone in maglia i capi clou del guardaroba, come abitini al ginocchio con cappottini abbinati e gonne a tubo con piccoli blazer. Leggeri micropull sono abbinati a pantaloni a gamba larga mentre le linee sono morbide e il colore must rimane il grigio. La novità è un prodotto realizzato in merino sottoposto a un trattamento a stampa che conferisce un aspetto vissuto ma elegante e chic. 

Lo stile classico si veste di lusso da Giorgio Grati con materie prime morbide e preziose, inserti e gioielli déco su modelli dalle linee fluenti e romantiche. Il decoro è essenziale per un’eleganza naturale, forme semplici e costruzioni lineari. Primo piano per colori luminosi e stampe con macro fantasie, mentre squillanti coloriture conferiscono una nuova verve a giacchini e cappottini bon ton. I colori, che vestono cachemire e lana cotta per il giorno, sete, chiffon e broccati per la sera, vanno dall’azzurro al grigio con punte di giallo, arancio e marrone, bianco e nero uniti al rosso.

Con lo sguardo rivolto alle atmosfere degli anni venti, la Collezione AI 08-09 di Brunello Cucinelli si rivolge ad una donna un po’dandy che mescola con sicurezza maschile e femminile. Un inverno che ricorda l’allure di Marlene Dietrich e Greta Garbo, esalta il disegno e il volume. Una stagione in cui l’oversize fa eco allo stile pulito e minimalista, la mascolinità alla femminilità estrema. Must della stagione: il twin set. Piccoli ma preziosi capi di pelliccia fanno per la prima volta il loro ingresso in collezione: giubbini di visone con cappuccio, coprispalla di orilag, outwear di cavallino, forniscono un’interpretazione giovane e sportiva.

Gioco di equilibri tra tessuti silhouette e colori che esaltano la femminilità tendendo a un gusto maschile per Gunex che combina l’informale a uno stile sofisticato, rivisitando periodi diversi in chiave contemporanea.

La donna Rivamonti abbandona la silouette vaporosa e il gusto baby-doll per una linea più vicina al corpo che ne esalta la femminilità. La sera viene dissacrata e si combina con il gusto sportivo in una nuova visione degli anni venti contaminati dagli anni 80 e dal mondo maschile. La collezione è incentrata sull’utilizzo di materiali diversi, tecnici e lussuosi che si combinano tra loro sia negli outwear che nella maglieria e T-shirteria.

Design preciso e rigoroso di ispirazione militare per CP Company. Giacche dalle nuove proporzioni nascono dallo studio degli archivi militari del Giappone mentre avvolgenti capospalla sono trattenuti nei punti strategici. I materiali vanno dalla lana alla seta, dalla pelle al poliestere.

Versatilità per Pietro Paradiso, con cappotti quasi sempre reversibili, che indossati di giorno, in un solo gesto diventano da sera, così come per gli abiti ad una cucitura, che oltre ad adattarsi a qualunque taglia, rivoltandoli cambiano colore. La collezione coniuga estremi come il moderno trench in tessuto tecnico dal taglio sartoriale ai capi di ispirazione antica, come il kaftano. Le chiare nuvole di chiffon dell’abito da sera sfumano negli orli scuri bruciati a mano.

L’eccellenza della materia si traduce in un lusso quotidiano e i dettagli diventano gioielli per i cappotti in pelliccia e le borse di Shirò, nella collezione disegnata da Massimo Calestrini. Visoni epilati tagliati a fettine di un centimetro, sono fissati con inserti di coccodrillo. Effetti di rilievo sono stati ottenuti variando la direzione del pelo. Così il cappotto più desiderabile è una costruzione di strisce di visone che si dilatano a raggiera e di rombi in movimento. I giubbotti di cocco vengono riscaldati da pelliccia maculata o personalizzati da effetti stropicciati. Blu, lapislazzulo, lilla, giallo, verde acido o sottobosco, marrone bruciato, avorio e nero i colori.

Tra le borse, ecco le versioni mignon declinata in coccodrillo di tutti i colori con la chiusura rigida e molteplici taschine e catenelle. Poi ci sono le maxi shopper con tasche, taschine e linguette in tinte a contrasto e le borse di nuova generazione: verticali, strette ma capienti, in coccodrillo con tracolla e manico, che esibiscono anche sottili cordini in cocco per chiudere laddove è necessario.

Ecco la collezione di Mario Valentino, all’insegna della modernità e della naturalità, punto di svolta dell’azienda. Ecco accessori dedicati a una donna impegnata ma essenziale e che dimentica l’eccesso di colori per toni caldi e terrosi alternati ad accenti metallici, rosso, melanzana e blu. Sofisticate le borse in vitellino perlato o pitone, tessuto, pellame laminato o vernice con dettagli in tartaruga o metalli visibili. Forme stondate e longilinee declinate in tutte le versioni per le scarpe, dalle ballerine ai tacchi alti, impreziosite da piccoli dettagli, come puntali martellati, catene e applicazioni smaltate.

Semplicità e sensualità contraddistinguono la decolletè spuntata firmata Alberto Guardiani. L’anguilla si scopre glamour e si veste di nuove sfumature, grazie a bagliori perlati.

Colori accesi per Moreschi: fucsia, turchese, verde mela, viola dipingono ballerine, decolleté e stivali. Molti i materiali utilizzati, dalla nappa trapuntata al raso lucido.

Di grande impatto i modelli dalla forma importante quasi sfacciata: tacco grosso per modelli realizzati in vari materiali, dal cocco stampato lucido riproposto nei classici colori come il nero e il marrone per decolleté con plateau, il vitello stampato occhio di pernice proposto nei colori tendenza, viola e grigio, con guardolo rotellato, open toe, cinturini alla caviglia o importanti fibbie per i modelli dall’ appeal più aggressivo e fashion.

Vuoi essere sempre informato su notizie di questo genere? Iscriviti alla LuxLetter

Avatar

Written by Redazione

Il tacco a spillo sfila a Vigevano

Just Cavalli a Parigi