Milano Moda Donna, terza giornata

Sulle passerelle la primavera estate 2011

A Milano Moda Donna continuano le anticipazioni della primavera estate 2011.
Dopo le sfilate di mercoledì e giovedì ecco il meglio delle passerelle di venerdì 24 settembre.

La prima collezione della giornata è stata quella firmata da Moschino. Ironia è come sempre la parola chiave dei capi disegnati da Rossella Jardini. Forme maschili vengono rivisitate con un  risultato stilistico iper-femminile.
Pantaloni slim e corti alla caviglia. Gonne ampie, a ruota con arricciatura stretta in vita, o a palloncino. Camicioni oversize con balze e orlo a ruches.
Grande attenzione agli accessori, borse di ogni dimensione, cappelli, fasce e gioielli il tutto da indossare con disinvoltura svettando su sandali in tessuto cravatteria o pelle arricciata dal tacco altissimo.

Dopo Gaetano Navarra i riflettori sono stati puntati sulla passerella di Antonio Marras.
I materiali si alternano, ora trasparenti vesti ora corposi broccati. Lo stilista sardo racconta una donna romantica che ama abiti fluidi rivisitando capi popolari, come il grembiule. Belle le stampe a fiori, i pizzi e i colori acquarello.
Sulla passerella sandali rasoterra di pelle chiara, nera o metal con cristalli applicati e zeppa sottile.

Etro presenta una collezione cibernetica. Forme rigorose, con giacche sartoriali ben costruite. Mille modi di interpretare il foulard che diventa anche una gonna con orlo a fazzoletto.
Completano gli outfit proposti da Veronica Etro, pantaloni ampi, camicioni asimmetrici, miniabiti a balze, caftani maxi, shorts e bluse.

Glamour in casa Molinari. Sulla passerella di Blugirl non manca, come da migliore tradizione, lo stile e lo charme che da sempre contraddistinguono la Maison.
Fantasie primaverili e décor ricercati raccontano una stagione primavera estate 2011 un po’ anni Cinquanta che sembra ispirarsi all’icona dello stile per eccellenza, Audrey Hepburn.

Parola d’ordine della collezione primavera estate 2011 proposta da Gianfranco Ferrè è sophitiscated allure.
La vita ritorna alta anche sui microshorts.
L’accessorio da tenere sempre a portata di mano è una cintura, dettaglio che ridefinisce la silhouette e dà movimento al capo che si indossa.

Grande show in Piazza del Duomo a Milano per la Maison capitanata sa Ennio Capasa direttore creativo C’N’C’ Costume National. Pantaloni lunghi o corti, little dress e abiti lunghi per una donna che sa ciò che vuole.

In passerella anche: Versace, Massimo Rebecchi, Gabriele Colangelo, Love Sex Money e Kristina Ti.

Avatar

Written by Francesca

Il minimalismo di Max Mara

Ecco la soft restoration