Milano Moda Donna, primavera estate 2008

Le sfilate della domenica

Dopo le passerella della giornata d’inaugurazione, la domenica di Milano Moda Donna è stata aperta dall’elegantissima collezione primavera estate 2008 di Luciano Soprani che, per l’occasione, ha scelto come madrina d’eccezione un’emozionata Manuela Arcuri.

Si continua poi con Fisico e le proposte mare che richiamano l’atmosfera esotica per eccellenza e musa ispiratrice della collezione.
I costumi sono bijoux tempestati di Swarovski e ridotti ai minimi termini, ma a spiccare su tutta la collezione è un trench da spiaggia, interamente di spugna “grafica”, effetto texture.

La collezione RoccoBarocco sfila davanti a un parterre ricco di vip.
Daniela Santanché ed Elisabetta Gregoraci, Tosca d’Aquino e Claudia Ruffo.
I modelli parlano dell’estate chic per eccellenza, insomma parlano di quello che spopolerà al Billionaire la prossima stagione.
La lavorazione più gettonata è quella da “masai”, che vede un intreccio etno-chic di fili di vernice, gros grain e paillettes appoggiarsi su tuniche e tunichette.

La collezione più applaudita della giornata, con tanto di standing ovation, è quella di Lorenzo Riva.
Filo conduttore una navymania che fa subito vacanza a cinque stelle de luxe.
Applausi a scena aperta per il mini tubino rettangolare con maniche di catenelle e per il plissé soleil che non ne fa una di piega, ma tante, piccole, simmetriche e perfette, persino sulla camicia incrociata con maniche over a sbuffo.
Ovazione anche per gli abiti da sera, da swimming pool party, lunghi, carezzevoli, fluttuanti e il sorprendente abito da sposa nero.

Silhouette rinnovata da corpini minuscoli a contrasto con i volumi vaporosi delle gonne è la proposta di Sonia Fortuna che per l’estate 2008 parla a donne stile bambola di porcellana per una femminilità tenera, ma matura.

La collezione P-E 2008 di Alessandro de Benedetti parla a una lady aristocratica e dalla grazia impalpabile.
Modelli gotici che ripercorrono tempi e tonalità cromatiche inesplorate per un risultato riscaldato solo dallo svolazzare di colli a corolla, di balze sovrapposte, di ricchi jabots ottocenteschi.

La donna di Francesco Scognamiglio, invece, è velata e austera. Una donna che poco scopre e tanto esalta.
La femminilità è sinonimo di sensualità ma anche di saggezza.

A conclusione di una giornata così ricca di appuntamenti Massimo Ribecchi racconta e reinterpreta la modella-attrice Chloë Stevens Sevigny.
Modelli indipendenti, disincantati e provocatori proprio come la sua musa per una collezione in perfetto equilibrio tra rigore ed eccentricità
Stampe a macro fiori, geometrie etniche, dettagli folk, stuoie di lino e cotone, armature di seta…e molto altro ancora per il lancio di un nuovo concetto di minimal tutto da scoprire.

Vuoi essere sempre informato su notizie di questo genere? Iscriviti alla LuxLetter

Avatar

Written by Francesca

La Bugatti apre in Russia

Milano Moda Donna P-E 2008: Luciano Soprani