Milano Moda Donna: Max Mara tra sartorialità e tradizione

Per l’Autunno/Inverno 2008/2009 silhouette asciutte e strutturate ispirate a film noir glamour e Roxy Music La passerella di Max Mara riporta immediatamente agli Anni Settanta e magari sul set di film noir tra glamour e location suggestive.
L’Autunno/Inverno 2008/2009 per la maison italiana è un’occasione per omaggiare sartorialità e tradizione che si confermano i punti di forza della maison.

La collezione Max Mara è un susseguirsi di abiti dalla silhouette asciutta e strutturata.
Le spalle sono rigorosamente marcate sia per i cappotti, giocati su un interessante mix di texture d’alpaca, cachemire e lane maschili, sia per i tailleur rigorosi dall’estrema femminilità.

Gli abiti scivolano sul corpo raccontandone le linee e rimarcandole grazie a maglie a bolero punto Irlanda e lurex frost.
Per la sera abiti jersey drappeggiati, con dettagli in tricot tressé.

A colorare la collezione il nero e il grigio, il bianco e le tinte pastello glacè tra cui la tonalità carta da zucchero, insieme alle pellicce e a pochette a soffietto che diventano per l’occasione punti luce.

Vuoi essere sempre informato su notizie di questo genere? Iscriviti alla LuxLetter

Avatar

Written by Francesca

Milano Moda Donna: sensualità e raffinatezza

Milano Moda Donna: l’Impero Cinese secondo Laura Biagiotti