Milano Moda Donna AI 2014-2015, giorno uno

Il meglio visto in passerella

La prima giornata di Milano Moda Donna è terminata e con sè ha portato, come previsto, anticipazioni imperdibili per l’autunno inverno 2014-2015.

Dopo aver seguito da vicino il meglio visto in passerella a New York e Londra, eccoci all’inizio del viaggio dedicato alla kermesse meneghina.

Tra i big protagonisti della prima giornata troviamo maison del calibro di Gucci, Alberta Ferretti e N°21. Ma tante solo state le sfilate da non perdere che hanno animato il calendario di ieri, 19 ferraio.

Ad ispirare Pierfrancesco Gigliotti e Maurizio Modica  è il film “Il giardino delle vergine suicide” di Sofia Coppola. Così, la collezione autunno inverno 2014-2015 di Frankie Morello è dedicata a una giovane donna inqueta.
Sulla passerella di Milano Moda Donna sono dunque saliti in passerella capi dai grandi contrasti. Organza e seta si mescolano con texture strutturate e/o tridimensionali, abiti svolazzanti si portano con scarpe pesanti, lo stile college diventa sexy grazie a spacchi e trasparenze, le camicie diventano abiti o sottovesti. Non mancano ricami e giochi di colori.

Com’era successo sulla passerella di Christopher Raeburn alla London Fashion Week e prima ancora su quella di Moncler Grenoble a New York, ecco che anche Fay dedica la sua collezione al grande freddo.
Tommaso Aquilano e Roberto Rimondi portano in scena una varietà, quasi infinita, di jacket dai volumi impressionanti e dal punto vita sottolineato, giacconi oversize col retro di pelliccia sfrangiata e ondeggiante, voluminose felpe di neoprene e piumini col cappuccio che diventano all’occasione colli imponenti. Se questo non bastasse a coprirsi ecco maxipull, cappotti slim, tailleur di piumino e così via.
Dopo Snoopy, mascotte della collezione di Fay per il prossimo inverno 2014 è l’adorabile, Woodstock dei Peanuts, unico dettaglio estroso su capi che puntano decisamente di più sulle texture rispetto agli orpelli.

Energia. Ecco il termine che meglio rappresenta la collezione autunno inverno 2014-2015 presentata a Milano Moda Donna da Fausto Puglisi.
A forme austere e silhouette compatte il designer siciliano aggiunge colore e grafismi ispirati al lavoro cubista di Sonia Delaunay.
Punto d’incontro tra rigidità e leggerezza pare essere la plissettatura. E tra leggings, vestiti, gonne  e cappotti caratterizzati da pattern geometrici e astratti, tornano le meravigliose biker jacket blockbuster e spuntano le felpe doppiate con una stilizzata statua della libertà.
Il risultato è vibrante, degno della nomea di Puglisi, che lo categorizza da sempre tra gli stilisti anticonvenzionali più interessanti della sua generazione.

Francesco Scognamiglio riparte da sè con un atelier nel cuore di Milano e l’ambizione di auto prodursi.
Al centro del lavoro dello stilista partenopeo per la prossima stagione la ricerca di linee pulite e minimali.
Così, lo stile gotico si ammorbidisce grazie all’uso di stoffe morbide e ricami delicati. Non mancano protezioni in pelle a dare struttura agli abiti ma anche inserti trasparenti, abiti fluidi la cui forma è dettata da fibbie e cinture, corsetti, bustini e così via.
Completano la collezione capispalla essenziali, camicie impalpabili a contrasto con gonne aggressive, tute intere in seta.
Sulla passerella targata Scognamiglio salgono tessuti pregiatissimi. Un esempio? Uno zibellino di rarissima specie la cui struttura è data dall’uso di stecche di balena. So chic!

Mercoledì 19 febbraio sono saliti in passerella anche: Angelo Marani, Simonetta Ravizza e Byblos Milano.
Fuori calendario hanno presentato invece la loro collezione: Chicca Lualdi BeeQueen e Malìparmi.

Nella nostra gallery tutto il meglio della prima giornata di Milano Moda Donna.

Avatar

Scritto da Francesca

WhatsApp passa a Facebook

Selfie perfetto con L’Oreal