Miele, elettrodomestici di successo

Fatturato in crescita del 3,8% nell’anno commerciale 2012-2013

Gli elettrodomestici di lusso Miele non consocono la crisi.

Dopo la costante crescita degli anni passati, l’azienda tedesca ha nuovamente registrato risultati positivi, chiudendo l’anno commerciale 2012-2013 con un fatturato di 3,15 miliardi di euro, con una crescita di 115 milioni di euro pari al 3,8%. Nello stesso periodo sono stati investiti 213 milioni di euro.

“Nonostante i fattori negativi come la crisi del debito nell’eurozona, rispettiamo pienamente le previsioni”, commenta ottimisticamente Olaf Bartsch, membro del consiglio di amministrazione, responsabile finanza e amministrazione generale.

L’aumento di quote di mercato è stato raggiunto grazie alla filosofia del marchio: “Immer Besser” (“di bene in meglio”), suffragato dagli ottimi risultati riportati nei test comparativi in molti Paesi.

Al di fuori della Germania, Miele ha realizzato una crescita di fatturato pari al 3,1%. Soprattutto nei due mercati d’oltreoceano più importanti, USA e Australia.

Per l’anno commerciale 2013-2014 il consiglio di amministrazione non fornisce pronostici concreti a causa della instabile situazione generale. L’obiettivo rimane tuttavia quello di continuare a crescere allo stesso modo.

Anche nel Belpaese Miele ha messo a segno numeri incoraggianti: “in uno scenario difficile e altalenante come quello del mercato italiano, Miele ha registrato nel 2012 un fatturato di circa 93 milioni di euro – dichiara Alessandro Covi, AD Miele Italia – aumentando la propria quota di mercato sia a volumi sia a valore, praticamente in tutte le categorie di prodotto in cui si propone, e in particolare su lavastoviglie e aspirapolvere.”

Questi risultati confermano che l’attenzione del consumatore, anche durante i periodi di crisi, non si focalizza necessariamente su una scelta di primo prezzo, ma piuttosto in una ricerca di qualità.

Dr  Alessandro Covi - AD Miele Italia

Avatar

Written by Chiara

London Fashion Week PE 2014, martedì

A Milano nasce Larte