Micam 2012, i trend donna

Dal classico al futuristico

Si spengono le luci sopra il Micam 2012 tempo di parlare dei trend.

La donna dell’autunno inverno 2012-2013 torna a un classicismo “monumentale” che diventa opera d’arte perché fatto a mano dagli artisti della calzatura. La loro bravura definisce la qualità e il valore della scarpa che enfatizza il volume, alternando punte filate, con tacchi medi ed eleganti a punte rotonde dal muro alto con tacchi corti e larghi.

Per quanto riguarda i modelli c’è solo l’imbarazzo della scelta e si va dalle decolletè agli stivaletti, dal tronchetto allo stivale in pelliccia fino alla ballerina con tacco largo. Da segnalare il ritorno a sfilature femminili raffinate per stringate e decolleté. Il tutto declinato in materiali ricercati quali la pelle pieno fiore, il rettile e il coccodrillo, la pelliccia di prima qualità, gli intrecci di cuoio e lana, la pelle effetto broccato e il damasco tono su tono.

Per le fashion victim il nuovo cool è iperfemminile, sexyandrogino, caratterizzato da un contrasto forte tra brogues di taglio sartoriale inglese e decolletè stiletto affilate e sfilate. Ovvero gli opposti che si uniscono: classico maschile e sexy femminile che si esplicitano utilizzando elementi riferiti al classico maschile e allo stereotipo femminile anni ‘80.

Così le linee sono sfilatissime per punte decolletè, i tacchi stiletto sono altissimi in contrasto con tacchi piccoli e sottilissimi. Anche i mocassini scelgono il tacco altissimo mentre gli stivali dritti sfoggiano il tacco appuntito. Il plateau viene incorporato, purché la linea sia decisa e definita nel volume, così come le zeppe sono inglobate nel volume della scarpa. Gli stivaletti sono alti e stretti alla caviglia mentre i biker boot convivono in tre versioni: al ginocchio, a metà polpaccio e sopra la caviglia.

I materiali spaziano dal cuoio liscio allo scamosciato liscio e lucidato, dal pieno fiore dalla grana grossa al cavallino a pelo cortissimo, dal raso unito al cuoio spazzolato fino al rettile con micro geometrie e al coccodrillo macro.

Un’altra tendenza è quella che naviga tra sport e sperimentazione d’avanguardia per una donna giovane, moderna e sportiva. Un mix di unisex e femminile, di sport estremo unito a tecnicità ed experimental fashion per calzature di design ad alto contenuto tecnologico che si ispirano al mondo iPhone, iPod, iPad. Qui la sperimentazione delle forme è molto evidente cosiccome l’esplorazione di nuovi volumi.

Le linee sono squadrate e sono arricchite da inserti geometrici. Anche le zeppe sono innovative mentre le sneaker di nuova generazione sono da indossare durante il tempo libero.

Alla base di tutto c’è la sperimentazione di nuove superfici come reti metalliche sottilissime in nylon, il cuoio sintetico, il neoprene doppiato, i sintetici double fino alle imbottiture preformate sulla forma della scarpa.

Dedicato alle donne che vivono la moda come esercizio di gossip ecco le scarpe dai volumi sempre enfatizzati, dalle forme esagerate, dai tacchi evidenti e dai volumi decisi. Ne nascono decolletè in doppio raso, sandali in taffettà, stivaletti dal tacco stiletto, stivali in vernice liquida.

I pellami sono lucidi, glitter, verniciati ad affetto specchio, il pitone è coloratissimo, specchiato e metallizzato nei toni oro e silver.

Dedicate a chi si sente casual con un appeal upper bohemien ci sono scarpe comode e pratiche dalle linee raffinate come stivali, anfibi, polacchini e rasoterra con tacco a rocchetto, cono cortissimo o cow boy.

I volumi sono pratici e comodi con altri più estremi dai tacchi alti ma comodi.

I materiali sono di ultima generazione a basso impatto ambientale, naturali e sostenibili come la pelle trattata al vegetale con inserti di lana e imbottitura per rendere gli interni più comodi.

Alessandra Iannello

Written by Francesca

Cannes 2012, apre Moonrise Kingdom

Cameron Diaz per TAG Heuer