MiArt 2014

Dal 28 al 30 marzo
Apre i battenti questa mattina MiArt 2014, l’evento milanese dedicato all’arte moderna e contemporanea, italiana ed estera.

L’edizione di quest’anno, diretta ancora una volta da Vincenzo de Bellis, darà voce a 148 gallerie internazionali con un 45% di espositori provenienti da 20 Paesi esteri.

Ad animare dunque la 19esima fiera di MiArt, in programma al padiglione 3 di Fieramilanocity dal 28 al 30 marzo, un acceso confronto tra l’Italia e lo scenario artistico internazionale.

Quattro le sezioni: Established (suddivisa al suo interno in Master con una selezione di 42 gallerie che propongono gli artisti storicizzati, Contemporary dedicata a 64 gallerie specializzate nel contemporaneo); Emergent per 20 gallerie d’avanguardia focalizzate sulla ricerca sui giovani artisti; THENnow presenta, su invito, 18 gallerie nelle quali sono messi a confronto un artista storico e uno appartenente a una generazione più recente; Object dedicata ad una selezione di 10 gallerie attive nella promozione di oggetti di design contemporaneo concepiti in edizione limitata e fruiti come opere d’arte.

Conflux è una nuova piattaforma, che propone 5 diversi progetti – site-specific, di artisti contemporanei internazionali – rappresentati da importanti gallerie provenienti dall’America Latina, Medio Oriente, Stati Uniti ed Europa.

“L’arte, in tutte le sue forme, rappresenta da sempre un’eccellenza storica e culturale del nostro Paese – afferma Michele Perini, Presidente di Fiera Milanoe Milano è uno dei centri più vitali per l’arte moderna e contemporanea: per questo, ancora una volta, siamo fieri che MiArt e Milano possano confermarsi teatro di questo incredibile mondo di creatività, libertà, cultura ma anche business dando un nuovo impulso alla valorizzazione di questo settore in Italia e all’estero”.

Per l’edizione 2014 MiArt rinnova e incrementa la stretta collaborazione con tutte le realtà pubbliche e private operanti nella promozione e nella conoscenza dell’arte a Milano con The springawakening, un programma di eventi, inaugurazioni e aperture speciali a Milano, che coinvolgerà una trentina traistituzioni pubbliche, fondazioni e gallerie private, a partire dal 21 marzo, equinozio di primavera, e per tutta la durata di MiArt 2014. Ogni giorno un’apertura speciale: da Palazzo Reale con la sua grande mostra su Piero Manzoni, al PAC – Padiglione d’Arte Contemporanea con quella di Regina José Galindo, alla GAM – Galleria d’Arte Moderna con “Year after Year. Lavori su carta dalla UBS Art Collection”, passando per l’HangarBicocca con la retrospettiva di Cildo Meireles e la mostra di Micol Assaël, e la Triennale con le mostre di due artisti del futuro come Ian Cheng e Michael E. Smith.

Grande rilievo avrà la collaborazione tra Fondazione Nicola Trussardi e MiArt 2014, iniziata nella precedente edizione. Quest’anno un nuovo progetto speciale, realizzato in coproduzione, animerà le serate del weekend di MiArt al Civico Planetario “Ulrico Hoepli”di Milano, capolavoro architettonico di Piero Portaluppi, invitando artisti internazionali a presentare opere appositamente concepite per questi spazi. Per tre sere, sotto la volta celeste del Planetario, installazioni, proiezioni multimediali, interventi sonori e video racconteranno storie di costellazioni e di universi paralleli e incommensurabili.

Dopo l’arte sarà il mondo del design a contagiare Milano grazie al ricco calendario di eventi in programma della settimana del mobile.

Cine Dreams al Planetario

www.miart.it

Written by Chiara

Jaguar F-Type Coupé

Kiehl’s e il suo primo Barber Shop