Marni primavera estate 2014

Milano Moda Donna
L’inconveniente tecnico che ha fatto sì che la sfilata della primavera estate 2014 di Marni sia andata in scena senza musica, non ha fatto altro che enfatizzare gli abiti realizzati con la consueta sapienza da Consuelo Castiglioni.

Presentata a Milano Moda Donna, la collezione della griffe, di recente entrata nella holding di Renzo Rosso Only the Brave, è a sorpresa romatica, floreale, leggera e meno minimal e grafica del solito, anche se mantiene moderazione e austerità come principi guida.

Il leit motiv è l’equilibrio degli opposti: da una parte ecco l’assenza di peso, con volumi flottanti e linea allungata, e dall’altra l’esagerazione di platform colorati e di visiere oscuranti.

La silhouette è di “complessa semplicità”: giochi di pince, pieghe, pannelli catturano il movimento, su pantaloni, abiti e gonne.

Elemento di disturbo nell’armonia di forme e proporzioni è dato dalle rouches sui fianchi e dai fiori tridimensionali su cappotti, gonne e persino shoppers.

E poi, spazio a gonne che sfiorano il polpaccio e a cappotti che rivelano graficamente le spalle portando l’attenzione sul collo.

La vita è segnata da cinture dall’aspetto tecnico, in contrasto con i dettagli bon ton; stessa dicotomia per il bomber indossato sopra la gonna dalla baschina fiorita o le bande a righe che bordano top fittamente ricamati.

Per quanto riguarda gli accessori, ecco che i ricami campeggiano su mini sportsac indossati come clutch e sulla iconica Marni Trunk, in motivi check, mentre nastri tecnici sono ricamati con cabochon ed elementi figurative sulle collane.

Written by Monica

Smartwatch Samsung Galaxy Gear in Italia

Iosa Ghini a Bologna