Marilyn Monroe e Chanel N°5, la leggenda continua

Binomio indissolubile

Prima l’innovazione, poi la tradizione.

Dopo la scelta rivoluzionaria di ingaggiare come volto di Chanel N.5 per la prima volta un uomo, ovvero l’“inevitable” Brad Pitt, questa volta la maison francese ha preferito puntare su una delle più grandi dive di tutti i tempi, da sempre associata allo storico profumo.

Marilyn Monroe è stata la prima, inconsapevole testimonial di Chanel N.5 e, a distanza di anni, la griffe ne “ufficializza” il ruolo utilizzando il celebre scatto realizzato da Ed Feingersh nel 1955 che la ritrae con la boccetta in mano, per la campagna in uscita il prossimo dicembre.

Il legame tra le due icone di femminilità del XX secolo inizia quando la diva, all’apice del successo, svelò al mondo che per dormire e come unico indumento, indossava solo alcune gocce della leggendaria fragranza.

Ed Feingersh ritrae Marilyn con Chanel n.5

L’affermazione di Marylin ebbe il potere di consacrare il fascino del profumo, aggiungendo quell’aurea di glamour hollywoodiano che ne fece un successo globale.

Chanel, esplorando tra gli archivi della star, ha scovato una registrazione inedita che conferma le parole di quell’ambasciatrice spontanea e sarà trasmessa nella pubblicità.

E’ il 1960, quando Georges Belmont, caporedattore di Marie-Claire, intervista la Monroe, che, con estrema spontaneità, conferma la sua dichiarazione d’amore per l’essenza francese: “Spesso mi fanno delle domande… Per esempio: ‘Cosa indossa per andare a letto? Un pigiama? La parte sotto del pigiama? Una camicia da notte?’ Allora rispondo ‘Chanel N.5’, perché è la verità! Capisce, non voglio dire ‘nuda’. Ma è la verità”.

 Brad Pitt per Chanel N°5

Avatar

Written by Monica

A Thohir il 70% dell’Inter di Moratti

Eicma 2013, il padrino è Steven Tyler