Marco Bellochio al MoMA di New York

Fino al 7 maggio

Per chi avesse la fortuna di trovarsi in questi giorni nella Grande Mela, ecco una mostra davvero imperdibile.

Fino al 7 maggio è in programma a New York la retrospettiva organizzata da Luce-Cinecittà e MoMA, presso i Roy and Niuta Titus Theaters, dedicata a Marco Bellocchio.

Si tratta di una mostra, inaugurata lo scorso il 16 aprile, sulla carriera del regista piacentino, dal suo esordio con I pugni in tasca nel 1965 fino al recente Bella addormentata, passando per i suoi capolavori più significativi come La Cina è vicina, Diavolo in corpo, Enrico IV, La balia, Il Principe di Homburg, L’ora di religione, Buongiorno, notte, e Vincere.

La retrospettiva, che segue i notevoli successi delle due precedenti organizzate da Luce-Cinecittà e MoMA su Bertolucci e Pasolini (ma anche Amelio, Virzì, Troisi, Rossellini, De Santis), consente alla platea d’oltreoceano di contemplare e verificare la tenuta di cinquant’anni di cinema made in Italy.

Ma non solo: per l’occasione, Luce-Cinecittà con la Ripley’s Film di Angelo Draicchio ha curato il restauro di due pellicole di Bellocchio: Vacanze in Val Trebbia (1980) e Gli Occhi, la bocca (1982).

Infine dal 6 giugno, grazie al progetto Cinema made in Italy, nato dalla partnership tra Istituto Luce e il network Emerging Pictures, avrà inizio la distribuzione nelle sale di New York di Bella addormentata, film con Toni Servillo, Alba Rohrwacher, Pier Giorgio Bellocchio, Michele Riondino, Isabelle Huppert, Brenno Placido, Maya Sansa e Gian Marco Tognazzi che racconta gli ultimi giorni di vita di Eluana Englaro, toccando così i delicati e discussi temi dell’eutanasia e dell’accanimento terapeutico.

Written by Monica

Festival del Cinema di Venezia 2014

Le ricette di Carlo Cracco, Rustica con mousse di prosciutto