Macef: Alessi ha presentato “Pasta Pot”

La pentola di tradizione rivisitata sotto la supervisione di uno chef

Un design di Patrick Jouin per lo chef francese Alain Ducasse.
Composto da una casseruola in trilamina, un coperchio in acciaio inossidabile, un cucchiaio e un sottopentola in melammina, il “Pasta Pot” di Alessi regala alla cucina una pentola che è insieme utensile per la cottura della pasta e oggetto di design.

Sfruttando un antico metodo di cottura, usato dai raccoglitori di olive per creare ricette gustose in caso di carenza d’acqua, “Pasta Pot”, è ispirato al concetto di “concentrazione” che permette all’amido, liberato dalla pasta durante la cottura, di rimanere legato agli alimenti senza che i sapori diminuiscano.

Il materiale della casseruole è studiato per distribuire in modo omogeneo il calore facilitando la cottura, quello del manico, del cucchiaio e del sottopentola sono invece studiati per non surriscaldarsi. Anche le forme sono frutto di studio per amplificarne le potenzialità.

Un utensile che esalta le qualità creative di chi cucina. Infatti, con un’unica pentola si potrà servire un’ottimo primo piatto in un tempo di poco superiore al classico piatto di pastasciutta.
Il procedimento è molto semplice e simile alla cottura del risotto; la pasta si lascia soffriggere leggermente a secco, poi si aggiungono tutti gli ingredienti che si vuole e dopo averli fatti amalgamare si aggiunge l’acqua o il brodo coprendo il tutto con l’apposito coperchio e rimescolando di tanto in tanto.
Il concetto di cottura ruota, quindi, intorno alla pasta combinando in maniera semplice ingredianti genuini e di ottima qualità e garantendo ottimi risultati sia ai cuochi più esperti che ai dilettanti.

Alain Ducasse ha poi studiato un libretto di ricette per prendere confidenza con il mezzo.

www.alessi.it

Avatar

Written by Redazione

San Valentino 2007: due cuori e una tenda nel deserto

Salone del lusso: Luxury & Yachts