Louvre e Guggenheim ad Abu Dhabi

Si sta formando il Cultural District della città
A maggio 2009 vi avevamo annunciato dell’apertura di una sede del Louvre ad Abu Dhabi. Oggi possiamo descrivervi più ampiamente il progetto, che vedrà la nascita nei prossimi anni di un importante distretto culturale nell’isola di Saadiyat, nella città degli Emirati Arabi Uniti.

Il Tourism Development & Investment Company (TDIC), l’ente che si occupa dello sviluppo della regione, ha annunciato le date di inaugurazione dei musei che sorgeranno nel cosiddetto Cultural District: il Louvre Abu Dhabi aprirà nel 2015, lo Zayed National Museum nel 2016 e il Guggenheim Abu Dhabi nel 2017.

L’ente ha confermato che queste istituzioni museali sono componenti strategiche della visione governativa a lungo termine di Abu Dhabi e che queste deadline sono state finalizzate in cooperazione con i partner maggiori quali Agence France Muséums, il British Museum, e la Solomon R. Guggenheim Foundation.

L’annuncio segue quello di ieri rilasciato dall’Abu Dhabi Executive Council, che ha affermato: “I musei del Distretto Cultura di Saadiyat Island aiuteranno a rendere Abu Dhabi una delle destinazioni al mondo leader a livello turistico e culturale e incoraggeranno la comunicazione e l’integrazione di diverse culture”.

Disegnato dal vincitore del premio Pritzker, Jean Nouvel, il Louvre Abu Dhabi sarà il primo museo universale nel mondo arabo e offrirà esposizioni di arti di differenti civiltà e culture. Si potranno ammirare al suo interno pitture, sculture, arti decorative, manoscritti e oggetti storici, culturali e di importanza sociologica che spaziano su un arco temporale molto ampio. La più imponente caratteristica del centro è la sua cupola di 180 metri di diametro che presenta una intricata decorazione traforata. Diverse acquisizioni per la collezione permanente del museo sono già state annunciate e finalizzate.

Il Guggenheim Abu Dhabi sarà una piattaforma per l’arte contemporanea che mostrerà capolavori internazionali accanto a opere locali e regionali. Disegnata da Frank Gehry, la struttura richiamerà le architetture del Golfo, incorporando scenografici coni che evocano le torri del vento tradizionali della penisola.

Infine, è concepito come un museo che è anche uno spazio per discussioni il Zayed National Museum che racconterà la storia di Sheikh Zayed bin Sultan Al Nahyan, attraverso la storia e la cultura degli Emirati Arabi Uniti. Il centro è stato disegnato dal Lord Norman Foster e le sue torri distintive richiamano le ali del falcone, simbolo sacro dell’Emirato e della sua cultura. Il museo avrà sette gallerie permanenti, spazi per esposizioni temporanee e una biblioteca.

Sua Altezza Sheikh Sultan bin Tahnoon Al Nahyan, Presidente di TDIC, ha commentato: “Il Cultural District di Saadiyat creerà una destinazione culturale che attrarrà ripetutamente visitatori da ogni parte del mondo. I musei faciliteranno lo sviluppo di esperti culturali locali attraverso la formazione e l’impiego creando opportunità di carriera per i nostri connazionali. Inoltre, questo creerà integrazione di arti e cultura nella vita quotidiana della comunità provvedendo alla valorizzazione, sostegno e conservazione del patrimonio culturale”.

Alcuni dei lavori sostanziali alle strutture sono già stati completati. Inoltre si stanno formando i team che lavoreranno nei musei e si stanno acquisendo collezioni d’arte importanti.

Non ci resta che aspettare il 2015 per assistere all’inaugurazione del primo grande museo della regione.

Written by Redazione

Letto richiudibile di design

Ladurée compie 150 anni