Louis Vuitton, salone letterario a Parigi

Cultura griffata
Non solo moda per Louis Vuitton.

Dopo l’interesse dimostrato verso l’arte e l’architettura, la Maison francese omaggia il mondo delle belle lettere aprendo nel cuore del proprio impero un salone letterario.

L’esclusivo quartiere parigino di Saint-Germain-des-Prés si prepara a rivivere il fermento intellettuale che si respirava all’epoca di Sartre, Picasso e Truffaut.

Louis Vuitton ha inaugurato uno spazio culturale che ospiterà artisti e studiosi fino al 31 dicembre 2012: ogni settimana si potrà assistere a dibattiti e incontri con alcune personalità di spicco del mondo dell’intellighenzia locale.

Tra le 8 personalità in programma ci sono il regista Christophe Honoré (12 novembre) e Claude Lanzman, scrittore e direttore della rivista Le temps modernes (26 novembre). Non mancheranno intermezzi musicali animati da melodie jazz, una mostra permanente e un angolo per la lettura con una biblioteca ideale curata da Laure Adler.

Come nei saloni di una volta, le conversazioni si terranno su invito ma saranno filmate e disponibili su internet.

La rive gauche è pronta a tornare ai tempi in cui pittori, scrittori, filosofi, giornalisti si ritrovavano ai caffè per fare cultura en-plein-air. Louis Vuitton dà appuntamento al numero 170 di boulevard Saint Germain.

Caffè a Saint-Germain-des-Prés

Avatar

Written by Chiara

Il nuovo yacht by Mercedes trova casa

Collistar compie 30 anni