Louis Vuitton Galerie

La casa di famiglia dello stilista diventa un museo
Mentre ieri a Roma si è chiuso il sipario sulla mostra itinerante “Louis Vuitton Series 2 – Passato, presente e futuro”, il 5 luglio a Parigi si è tenuta l’inaugurazione del museo Galerie che la Maison francese ha aperto nella sua più antica fabbrica (ancora attiva) nonché casa di famiglia dal 1859 dello stilista fondatore.

A distanza di neanche un anno dal debutto della monumentale Fondation Louis Vuitton, progettata dall’archistar canadese Frank Gehry nella parte settentrionale del Bois de Boulogne, la griffe dà il benvenuto al suo secondo museo privato.

Sotto i riflettori dei due piani espositivi, circa 400 accessori moda e documenti provenienti dall’immenso archivio Louis Vuitton: dai pezzi firmati dallo stilista Paul Poiret agli oggetti personali della famiglia Vuitton, fino ad arrivare agli iconici bauletti e alle creazioni dell’attuale direttore creativo Nicolas Ghesquière, passando per Kim Jones e Marc Jacobs.

Bauletto Louis Vuitton

Al vernissage di domenica, allestito nel giardino del nuovo polo museale di Asnières-sur-Seine, hanno preso parte anche Michelle Williams, testimonial numero uno del marchio, Michael Burke, Chairman e CEO di Louis Vuitton, Suzy Menkes, Stephen Jones e Camille Seydoux.

Galerie ospita al momento una mostra curata da Judith Clark, professoressa di moda e museologia, che ha già lavorato per Chloé e personalità del calibro di Frida Kahlo e Diana Vreeland, e sarà visitabile dal pubblico a partire da fine mese solo su prenotazione online attraverso il servizio clienti.

Garden Party per l'inaugrazione della Louis Vuitton Galerie

Avatar

Written by Chiara

La Champagne diventa patrimonio dell’Unesco

Su Amazon shopping per la bellezza