Louis Vuitton Cruise 2020: la filosofia del high-tech luxury

La maison francese abbina la tradizione e innovazione

La maison francese Louis Vuitton dopo aver sfilato a Monaco, Palm Springs, Brasile, Giappone, Costa Azzurra grazie a Nicolas Ghesquière, decide questa volta di atterrare con la collezione Cruise 2020 direttamente all’aeroporto TWA Flight Center della grande mela.

Il viaggio LV

Il tema di questa fantastica sfilata non poteva che essere il viaggio. Ricordiamo che Louis Vuitton nasce come fabbricante di valigie. L’immediato successo ottenuto da Louis Vuitton lo portò ad espandere la sua attività e ad inaugurare, nel 1859, il suo primo Atelier ad Asnières. Situato a nord-est di Parigi, questo nuovo laboratorio contava inizialmente solo 20 dipendenti. Nel 1900, il numero delle persone che lavoravano nell’Atelier era cresciuto a 100 e, prima del 1914, era già arrivato a 225.

Lo storico Atelier venne ampliato a più riprese nel corso dei decenni, ad esempio con l’annessione della residenza privata della famiglia Vuitton, ma è sempre rimasto il luogo in cui i prodotti Louis Vuitton vengono creati, come succede ancora oggi. Ed ecco che collezione Cruise 2020 di Louis Vuitton mescola sapientemente tradizione sartoriale del lusso all’innovazione high tech.

La collezione LV

La collezione Louis Vuitton Cruise 2020 comprende: un trionfo di stampe sofisticate che richiamano il profilo degli edifici newyorkesi, ricami preziosi, broccati e colori acidi. Stampe audaci e grintose decorano gli abiti della collezione e delineano i completi strutturati. Tubini contraddistinti da cappe alate, pantaloni ampi, bermuda e gonne a palloncino.

A sfilare in passerella anche top bustier in satin, abbinati a bermuda e gonne, camicie con le maniche drappeggiate, bluse con le spalle arrotondate e pencil skirt con grandi ruches. Capospalla dal sapore anni ’80 (con tanto di spalline incorporate) e dettaglio importantissimo sono le scarpe, super flat, super comode.

“L’innovazione è l’abilità di vedere il cambiamento come un’opportunità, non una minaccia” così un brand tradizionale della haute couture sposa il nuovo mondo high tech in maniera elegante. Très chic!

Avatar

Scritto da chiaradinunzio

Chiara Ferragni compleanno a Gardaland: “impazzita” per i parchi giochi

Congratulazioni Scarlett Johansson, dicono che la terza volta sia quella buona!