London Fashion Week AI 2014-2015, giorno cinque

Il meglio visto in passerella
Prima di lasciare il passo a Milano Moda Donna, la kermesse meneghina ha preso il via questa mattina, eccovi il meglio dell’ultima giornata di London Fashion Week.

A Londra ieri, martedì 18 febbraio, sono andate in scena infatti alcune interessanti sfilate dedicate alla moda donna per l‘autunno inverno 2014-2015.

E se è vero che all’appello mancano due importantissime manifestazioni dedicate al prêt-à-porter, come Milano e Mode à Paris, i trend per la prossima stagione fredda cominciano a delinearsi.

Big tra i big Simone Rocha che porta in passerella una collezione fresca ma non per questo meno studiata.
I capi, dedicati a donne di grande personalità, sono frutto l’incontro di poesia e forza, dolcezza e decisione, delicatezza e forza. L’ispirazione elisabettiana incontra la ribellione delle principesse medioevali e così gli abiti hanno piccoli busti e gonne ampie, i capispalla proporzioni generose così come le maniche sono impreziosite da volant e collane. Completano il look pellicce non convenzionali e scarpe ora dal tacco quadrato in perspex ora stringate maschili piatte passando per ballerine di pelo.

Quando l’esattezza dell’esecuzione incontra la creatività della forma il risultato non può che essere di grande fascine e in certe occasioni anche sexy.
E’ il caso della collezione di Barbara Casasola che per il prossimo inverno 2014 propone capi raffinati e impeccabili dalle silhouette classiche, alleggerite da trasparenze e scollature sensuali che esaltano la femminilità di chi li indossa.
La palette intensa e eclettica dona personalità a outfit costruiti attorno all’abbinamento di maschile e femminile, geometrico e impalpabile, over o slim e così via.
Accessorio must: il cappello, rigorosamente a tesa larga super chic.

Edward Meadham e Benjamin Kirchhoff tornano alle origini e per la collezione autunno inverno 2014-2015 si lasciano ispirare dalla loro musa preferita, una ragazzina affascinata dagli abiti vintage trovati nei bauli in soffitta.
In passerella salgono così capi dai colori dell’arcobaleno e dalle forme retrò. Le camicie hanno il collo alto e sono di pizzo, i completi di velluto, cappotti iridescenti, gonne dal sapore esotico, completi di tweed rigorosamente oversize e così via resi brillanti da fili di lurex argentato.
Più commerciali rispetto al solito, i capi della maison Meadham Kirchhoff all’estro uniscono la portabilità.

Martedì 18 febbraio sono saliti in passerella anche: Marques Almeida, Osman, Fashion East e KTZ.

Nella nostra gallery tutto il meglio della quinta e ultima giornata di London Fashion Week.

Written by Francesca

Whitney Houston, villa in vendita

Make up estate 2014, il blush Clinique