London Collections: Men PE 2015, giorno tre

Il meglio visto in passerella

Terza e ultima giornata alla London Collections: Men.

Dopo le anticipazioni della primavera estate 2015 salite in passerella durante la giornata di domenica e lunedì, ecco che Londra ha ospitato altri big come Sibling, Tom Ford e Burberry per poi passare il testimone ufficialmente a Pitti Uomo 86.

E’ dedicata alle minoranze la collezione per la prossima estate del trio di Sibling. I designer si sono lasciati ispirare infatti dai punk, dai rockabillies, dai Goths per trovar loro un posto nel mondo.
Le proposte sono ovviamente anticonformiste nella forma ma anche e forse soprattutto nella scelta dei dettagli che le caratterizzano come grandi macchie, pom-pom, effetto pelliccia e così via.

Di tutt’altro genere la proposta targata Tom Ford.
Il designer texano racconta la sua idea di eleganza rilassata ispirata alle sue origini e alla vita nel rench. I materiali sono di puro lusso anche se naturalmente non manca nemmeno il denim, materiale dei cowboy per eccellenza, abbinato a camicie a quadri e stivali di pelle.
La differenza la fanno le lavorazioni e i lavaggi dei materiali, gli abbinamenti dei colori e ovviamente i tagli.
Tra le proposte da sera spiccano giacche sartoriali in seta moiré o con un pattern jacquard marmorizzato.

Già con la cruise collection 2015 della moda donna, Christopher Bailey aveva raccontato la sua passione per le illustrazioni dei grandi classici.
E sono proprio le copertine dei libri storici e Bruce Chatwin, romanziere inglese e scrittore di viaggi morto nel 1989, a ispirare la primavera estate 2014 di Burberry Prorsum.

In passerella sfila gli iconici trench, le giacche in denim, montgomery e capi di sartoria aderenti, pantaloni affusolati, focus della collezione sono le stampe, quelle da tipografia e illustrazioni dipinte a mano ispirate alle classiche copertine dei libri inglesi, mentre tra gli accessori segnaliamo la cartella da viaggio, le sneakers e sciarpe in cachemire e seta con stampe simili a copertine di libri.

La sfilata è stata animata dalla performance live del musicista inglese Benjamin Clementine. “Benjamin è un poeta. I suoi testi sono incredibilmente forti e stimolanti e il suo stile innato da grande contributo alla sfilata – è un talento vero e raro e siamo onorati di aver ospitato la sua performance dal vivo oggi” ha commentato Bailey al termine della sfilata.

Durante la terza giornata della London Collections: Men dedicata alle anticipazioni della moda uomo per la primavera estate 2015, sono saliti in passerella anche: E. Tautz, Craig Green, Joseph, Sankuanz, Ede & Ravenscrof, Xander Zhou, Baartmans and Siegel, Katie Eary, Tiger of Sweden, A. Sauvage e Nasir Mazhar.

Nella nostra gallery trovate il meglio visto in passerella.

Written by Francesca

Missoni lascia il business degli hotel

Convivio 2014, furto d’arte