Libro-mania di marzo

Milano e Parigi per i bibliofili

Voglia di libri per Milano e Parigi. Il 13 marzo inaugurano, rispettivamente e in contemporanea, la XX Mostra del Libro Antico e il Salone del Libro.

Fino a domenica 15 marzo, le sale del Palazzo della Permanente di Milano ospitano la 20/ma edizione dell’esposizione-mercato Mostra del Libro Antico, organizzata dalla Fondazione Biblioteca di via Senato. In questo importante anniversario, oltre 50 librai internazionali espongono eccezionali proposte bibliografiche, prestigiose e di ampia trattazione.

Fra le opere più attese e rare, si segnalano il progetto originale del Teatro alla Scala di Giuseppe Piermarini (stampato a Milano, 1789), la prima edizione illustrata del De Architectura di Vitruvio, (stampato a Venezia da Giovanni Tacuino de Tridino nel 1511) e alcuni capolavori dell’arte miniata rinascimentale, fra cui un rarissimo Libro d’Ore del 1532 circa. A proposito della trattazione religiosa, è esposto anche il primo indice ufficiale dei libri proibiti, edito a Venezia dopo il Concilio di Trento nel 1564, oltre al più famoso manuale per inquisitori, il Malleus maleficarum, stampato a Colonia nel 1494.

Protagoniste della mostra sono la letteratura e la poesia, che includono anche le prime guide turistiche illustrate, i primi volumi sulle grandi scoperte e conquiste, oltre ai trattati gastronomici, le partiture musicali e tantissimi testi scientifici, di astronomia, anatomia e botanica.

Dalla prima edizione aldina della Divina Commedia (1502), impreziosita da un’elegante legatura in marocchino ottocentesco, passando per 16 rare incisioni a bulino di Durer della serie La Piccola Passione (1507 – 1513 circa) e a I Capricci di Goya, si arriva al XX secolo.

Sono ampiamente documentati anche la storia dell’arte, della letteratura, del teatro e del cinema contemporanei. A partire dall’archivio del Living Theatre raccolto da Giorgio Maffei e dai manifesti, locandine, fotografie, manoscritti e copioni, fino ai disegni per le scenografie, di cui è un saggio interessante l’illustrazione decò Makeda. Reine de Saba, realizzata da Georges Barbier e tirata in 100 copie da Goupil a Parigi (1914).

Per l’arte italiana è esposta una copia del catalogo originale della mostra Combustioni Cretti Cellotex 1964 – 1984 di Alberto Burri, tenutasi all’Artcurial Centre d’Art Plastique Contemporaine di Parigi nel 1985. Il documento è arricchito da un cellotex autografo di Burri con dedica al curatore della mostra. Ma è possibile fruire anche del corpus di circa 30 carte del grande incisore Luigi Bartolini e dell’omaggio al Futurismo reso dalla Libreria Pontremoli che, per l’occasione, mette in mostra un catalogo con più di 750 titoli tra libri, cataloghi e riviste, di cui si segnala L’Anguria lirica in litolatta di Tullio D’Albisola, e la prima edizione del BIF§ZF di Ardengo Soffici.

Nella stessa data del 13 marzo e fino al 18, gli spazi di Porte de Versailles di Parigi ospitano una delle mostre del libro più ampie d’Europa: il Salone del libro di Parigi.
Oltre 50mila mq accolgono opere e autori provenienti da ogni parte del mondo e di varia natura. Con l’obiettivo di assecondare o far riscoprire il piacere della lettura, è organizzata una serie di sezioni speciali e diverse tra di loro, come la piazza dei libri – forum per dibattiti, conferenze e incontri con gli autori -, il club dei giovani lettori, il bar delle scienze – che ospita i più grandi specialisti e ricercatori del settore – , lettura di [email protected] – lo spazio con le ultime novità riguardanti campi quale quello dei libri elettronici- , fumetti e manga – di cui ricorre quest’anno il 20/mo compleanno delle traduzioni in Francia -, lo studio dei lettori. Infine, una vasta sezione è dedicata al Messico, ai suoi scrittori più famosi come ai nuovi talenti.

Milano, XX Mostra del Libro Antico
Palazzo della Permanente – via Turati 34
+39. 02 21023079
www.mostradellibroantico.it

Parigi, Salone del libro
Porte de Versailles, Pavillon 1
www.salondulivreparis.com

Avatar

Written by Francesca

Mercedes-Benz, leggerezza e lusso per gli occhiali

Moda a Parigi