L’haute couture a Parigi

Le sfilate di Armani Privè, Givenchy, Dior, Lacroix, Armani e il debutto della Facchinetti, erede di Valentino
Dopo Milano Moda Uomo, il mondo della moda si è spostato a Parigi, con le sfilate dell’haute couture dell’autunno-inverno 2008-2009.

Non sono mancati stilisti italiani che hanno fatto parlare di sé.

All’esordio Alessandra Facchinetti che a presentato per Valentino la sua prima collezione haute couture a Parigi, dalle forme scultoree con il rosso ancora come protagonista. Dedicata a una donna romantica e lunare, la linea non è mai teatrale e si ispira ai quadri di Van Dyck con gorgiere e bracciali in pizzo. Ad ammirarla numerosi vip, da Giorgio Armani a Diego Della Valle, da Bryan Adams a Irina Abramovic.
La sfilata ha destato le perplessità del maestro a cui ha prontamente risposto dall’azienda Stefano Sassi, presidente e amministratore delegato: “Questa collezione d’alta moda è l’esempio chiarissimo di come il saper fare italiano, e tutto quello che questi signori hanno saputo creare, riesce a fondersi con un talento di 35 anni”.

Se  Riccardo Tisci per Givenchy veste una donna etnica che guarda al Perù con maglioni andini e capi sexy, Giorgio Armani con la linea Privè ha incantato con il suo lusso da giorno caratterizzato da toni madreperlati e rosati ed esclusivissimi accessori. La collezione riprende uno dei temi più cari dello stilista, il tailleur pantaloni, con modelli  ricchi e sensuali e giacche di diverse fogge. Filo conduttore il fiocco da portare come papillon, dettaglio o cintura in vita su abiti da gran sera. Protagonista della sera è il bianco e nero.

Se la donna del libanese Elie Saab veste abiti da gran sera che giocano con fiori, fiocchi, veli e trasparenze, quella di Chanel unisce il passato al futuro con costruzioni futuristiche e maniche che ricordano il Medioevo. Trionfa il grigio mentre il tweed si veste di nuovi volumi e nuove lavorazioni.

Jean Paul Gaultier protegge la donna imprigionandola in una gabbia reinterpretazione della struttura settecentesca che reggeva le gonne, che ricorre sia con i tailleur pantaloni, sia nel vestito da sposa, sia nei bustini. L’ispirazione arriva da film-culto degli anni Ottanta, Tron, in cui alcuni ragazzi restavano imprigionati in un videogame.

Grandi sottane, bustini e borchie nella linea ideata da John Galliano per Christian Dior, che guarda agli anni Cinquanta in versione contemporanea per una donna sofisticata che non rinuncia a tocchi eccentrici, mentre Christian Lacroix veste dark lady con la raffinatezza di ricami, drappeggi, pizzi, colorati e corti.

Risorge dopo settanta anni la casa di moda russa Irfe, che ha presentato la collezione Revival con gli abiti di un tempo rivisitati e adattati al gusto odierno.

Per finire ancora uno stilista italiano: si tratta di Maurizio Galante che il 3 luglio alla presenza del Ministro della Cultura Francese ha presentato la mostra “Oggetti, creazioni tra design e moda”, con un defilé degli abiti del designer, membro della Federazione Francese dell’Haute Couture.

Vuoi essere sempre informato su notizie di questo genere? Iscriviti alla LuxLetter

Avatar

Written by Francesca

Profumo di Acqua di Parma

L’estate è del rosé: Bandol Rosé Coeur de Graine