Le Primavera/Estate di Prada più iconiche di sempre, a partire dalle geometrie del ’96

Dalle geometrie Ugly Chic del 1996 alle Fiamme del 2012

Ecco un excursus sulle stampe Primavera/Estate Prada più iconiche di sempre, ripercorso alla perfezione da Susie Bubble.

Fotografia di David Sims

Le geometrie Ugly Chic della Primavera/Estate ’96

Le stampe geometriche sono parte integrante del lessico visuale di Prada in modo così profondo che sarebbe difficile pensare a questo brand senza il suo arsenale di pattern retrò color seppia. A dare l’avvio ufficiale a questa associazione è stata la collezione Banal Eccentricity nella collezione primavera/estate 96, che ha inoltre portato in passerella per la prima volta l’estetica dell’ugly chic oggi estremamente diffusa nell’industria della moda.

Fotografia di Robert Wyatt

I Rossetti della Primavera/Estate ’00

Oggi la stampa a rossetti di Prada è un vero e proprio capo da collezione, uno dei pattern più riconoscibili dell’intero sistema fashion. Ispirandosi a Yves Saint Laurent, nella sua collezione primavera/estate 2000 Miuccia ha riprodotto labbra e rossetti su camicie, gonne e uniformi. La precisione geometrica della loro disposizione e la palette di colori freddi scelta dalla stilista hanno fatto sì che l’oggetto femminile per eccellenza ricordasse a chi guarda questa stampa i proiettili di una pistola; del resto, spesso si parla di make-up come di una protezione, un’armatura.

Fotografia di Steven Meisel

Gli uomini d’affari sulla spiagga della Primavera/Estate ’10

E se la prossima riunione fosse al mare? Probabilmente è questa la domanda che si è posta Miuccia creando questa spiazzante stampa. Si dice che per trovare l’immagine giusta il team Prada abbia lavorato a lungo, optando infine per una spiaggia affollata in un resort giapponese. Si tratta di una stampa surreale e ipnotica perfetta per accompagnare i classici completi in grigio antracite del brand.

Fotografia di Steven Meisel

Le Banane Minimal della Primavera/Estate ’11

Il “Barocco minimal” della primavera/estate 11 è celebre per le sue banane e ha ispirato così tante contraffazioni da essere ancora ben presente sul mercato nero della moda di lusso. Ma le stampe di questa collezione non possono certamente essere definite minimal: ispirate all’epoca jazz di Josephine Baker e rielaborate in chiave cartoon, banane, scimmie e blocchi di colore sono stati a lungo (e sono ancora) l’elemento chiave di un look perfetto per editoriali e immagini di streetstyle.

Fotografia di Steven Meisel

Le Fiamme della Primavera/Estate ‘12

La stagione successiva, Miuccia ha nuovamente infiammato le penne di critici e giornalisti di moda portando in passerella un turbinio di fiamme e atmosfere bollenti per la primavera/estate 2012. Accompagnate da gonne alla Marylin Monroe e foulard anni ’50, le fiamme di questa collezione hanno adornato le scarpe forse più viste ai piedi di celebrità e modelle negli ultimi anni.

Prada gioielli: la linea super lusso del brand italiano

Avatar

Scritto da Erika Barone

“C’era una volta in America”: il ruolo fondamentale degli USA nella carriera di una modella

Alain Delon colpito da ictus e ricoverato d'urgenza: le condizioni dell'attore

Alain Delon colpito da ictus e ricoverato d’urgenza: le condizioni dell’attore