L’auto che vola

Primi “battiti d’ali” per Transition
Ha debuttato sulla pista statunitense dell’aeroporto di Plattsburgh, nei pressi di New York, Transition, l’auto volante realizzata dagli ingegneri di Terrafugia.
Il sogno di chi non aspettava da anni che di veder infrangere anche questa barriera si è, quindi, realizzato. A far compiere i primi passi, o meglio battiti d’ali, a Transition è stato Phil Meteer, un colonnello della Usaf in congedo.

Progettata per avere un’autonomia di 724 km, Transition può raggiungere nei viaggi terrestri una velocità di 185 km/h e rifornirsi negli stessi distributori utilizzati dalle automobili convenzionali grazie al suo motore alimentato a benzina verde. A renderla ancora più eccezionale, la velocità di trasformazione dalla configurazione aeromobile a quella di vettura stradale: soli 30 secondi

Prima di poter acquistare questo prodigio di tecnologia bisognerà attendere ancora diversi collaudi e affinamenti tecnici, ma si tratta di un reale passo avanti che potrebbe rivoluzionare la mobilità personale, rendendo possibili gli atterraggi in una città lontana e un’agevole mobilità sulle strade del posto.

Avatar

Written by Francesca

Speciale Orologi 2009

Wyborowa Exquisite: la vodka di tendenza