in , , , , , ,

Lanvin for H&M

Svelata la capsule collection democratica

Dopo mesi di indiscrezioni, foto rubate, video enigmatici, finalmente è stata svelata la collezione che, Alber Elbaz, direttore artistico di Lanvin, ha disegnato per H&M e che sarà disponibile negli store del colosso della moda low cost dal prossimo 23 novembre.

La collezione donna Lanvin for H&M è un inno al colore, con mini abiti dalle nuance eccentriche e floreali e dal taglio tipico della Maison francese; ogni abito è da considerarsi un pezzo unico da studiare separatamente.

Ecco quindi l’abito monospalla viola o fucsia con una manica a palloncino, o quello in seta blu navy con ruches, scollatura a taglio vivo e nastro di gros-grain intorno alla vita, oppure l’abito da “ballerina” rosso con balze e un’infinità di strati.

E poi, la giacca nera da smoking, il cappotto da sera in satin nero impreziosito da un collo in pelliccia ecologica e un altro a doppio petto tutto, in questo caso, tutto in pelliccia green.

Le t-shirt con pailettes e borchiette e gli accessori, come le scarpe con tacco gioiello e cinturino di nastro, pochette decorate, guanti, occhiali da sole e collane vistose sono i  pezzi più “sfiziosi” dell’intera linea.

Capi  interessanti anche per i maschietti, tutti disegnati da Lucas Ossendrijver, stilista della linea uomo di Lanvin.

Anche qui ritroviamo lo smoking dal taglio casual perfetto anche per il giorno, blazer corto a tre bottoni, cardigan in maglia sottile, maglie con cappuccio e cerniera per un look casual chic.

Grande attenzione per gli accessori: scarpe in nuance metalliche, cravatte in pailletes e papillon oversize in perfetto stile Lanvin.

Come è accaduto per le limited edition del marchio svedese con altri nomi importanti del fashion system come Roberto Cavalli, Karl Lagerfeld, Stella McCartney, Comme des Garçons, Jimmy Choo e Sonia Rykiel, si prevedono file chilometriche all’alba difronte ai 200 punti vendita in tutto il mondo che venderanno in esclusiva la collezione.

Avatar

Scritto da Monica

Lascia un commento

Teotihuacan. La città degli Dei

Inverno polare