Lamborghini Reventón al Salone di Francoforte 2007

Soli venti esemplari per la supercar più estrema della casa del toro, in vendita a un milione di euro
Automobili Lamborghini ha presentato al Salone di Francoforte una vettura senza confronti: si tratta della Reventón, una supercar estrema prodotta in soli venti esemplari, da un milione di euro l’uno.

Design all’avanguardia e performance straordinarie caratterizzano questa vettura interamente progettata a Sant’Agata Bolognese. L’auto, che prende il nome dal toro che uccise Felix Guzman, è un pezzo di “haute couture” automobilistica ma si distingue anche per un altissimo dinamismo e l’assoluta idoneità all’uso quotidiano.

Il linguaggio delle forme assolutamente chiaro che contraddistingue i modelli attuali della Lamborghini si unisce all’ispirazione che nasce dalla moderna aeronautica per uno stile estremamente preciso, tecnicamente impressionante, con una nuova vitalità: linee interrotte e superfici contorte creano un affascinante gioco di luce, conferendo enorme movimento all’auto.

Il rivestimento esterno è realizzato in CFC, un materiale composito a base di fibra di carbonio tanto stabile quanto leggero. I componenti esterni sono incollati e fissati al telaio della Reventón in CFC e acciaio.

La parte anteriore è caratterizzata dall’acuto angolo di freccia nel centro e dalle potenti prese d’aria rivolte in avanti. Certo, non alimentano aria direttamente alla turbina come in un aereo, tuttavia, tenendo conto dei 650 CV, anche per il raffreddamento dei freni carboceramici e delle pinze a sei pistoncini è necessaria un’abbondante portata d’aria.

Entrambe le porte si aprono verso l’alto, mentre alcune caratteristiche sono ulteriormente ottimizzate per quanto riguarda l’aerodinamica, rispetto alla Murcielago da cui prende le mosse.

Il cofano motore in vetro a lamelle con fessure di ventilazione aperte consente di dare un’occhiata al cuore pulsante della supercar, il dodici cilindri da 6,5 litri, mentre il colore è del tutto innovativo: un grigio-verde opaco medio, esente dalla consueta lucentezza. In virtù di determinate particelle metalliche, tuttavia, questa tonalità cromatica presenta al sole una sorprendente profondità.

La medesima forza innovativa del design esterno caratterizza anche l’abitacolo della Reventón. Progettato e realizzato ai massimi standard di qualità nei materiali alcantara, carbonio, alluminio e pelle, è ispirato ai “cockpit” di prossima generazione.

Completamente nuovo è anche il G-Force-Meter: questo display mostra le forze dinamiche di marcia, l’accelerazione longitudinale all’applicazione del gas in fase di frenatura e anche l’accelerazione trasversale nelle curve. Infine, ogni Reventón è dotata di cambio robotizzato e.gear, azionabile mediante due piccole leve al di sotto del volante. Tutto ciò è possibile in virtù del fatto che l’intera piattaforma elettronica è stata messa a punto autonomamente dagli specialisti della Lambo

Avatar

Written by Redazione

Le scarpe più care sono di Renè Caovilla

La Birkin si veste di diamanti