L’alto di gamma rallenta la crisi

L’indagine bimestrale della Fondazione Altagamma conferma: il settore inverte la tendenza

La crisi economica in atto ha colpito tutti i settori, compreso il mercato dei beni di lusso, con l’eccezione dei mercati orientali (Cina in particolare). Tuttavia, l’indagine congiunturale realizzata dalla Fondazione Altagamma nel bimestre maggio-giugno 2009 e le previsioni sul breve periodo sembrano accreditare l’ipotesi che il peggio sia ormai alle spalle.

Leonardo Ferragamo, Presidente di Altagamma, rileva che “il trend è abbastanza uniforme, sia per mercati che per settori. Si conferma il fatto che le aziende che negli ultimi anni hanno seguito un modello di espansione sano, mantenendo i conti a posto e crescendo con realismo e su solide basi finanziarie, sono quelle che si sono ritrovate con gli strumenti più adatti ad affrontare questa difficile fase. Inoltre osservo con molto interesse ed apprezzamento il trend – spesso in controtendenza – del settore del design, che anche nei momenti più difficili ha continuato a puntare sulla ricerca e sull’innovazione: questo atteggiamento conferma che il coraggio e la creatività possono diventare grandi forze propulsive per il rilancio dell’economia“.

In generale, i diversi settori rappresentati dalle Imprese Altagamma, nel bimestre maggio-giugno 2009 hanno avuto, a confronto con lo stesso periodo del 2008 – un calo che varia tra leggero e significativo: somma di un maggio piuttosto negativo e di un giugno in miglioramento. Per quanto riguarda i mercati, nel bimestre, l’Italia ha registrato un calo rispetto agli stessi mesi del 2008 e l’Europa Occidentale ha reagito allo stesso modo. Anche in Europa Orientale – e in particolare in Russia – si registra un calo rispetto a un 2008 che era stato molto positivo.

I mercati della Grande Cina (Repubblica Popolare Cinese, Hong Kong, Macao, Taiwan) hanno invece registrato una buona crescita mentre il Giappone (per il quarto anno) ha mostrato un calo rispetto al 2008. I mercati del Medio Oriente testimoniano una leggera crescita.

Gli Stati Uniti, culla e causa della crisi finanziaria ed economica mondiale, continuano a mostrare un significativo calo rispetto agli stessi mesi del 2008. I mercati dell’America Latina – in particolare Messico, Brasile e Argentina – mostrano una leggera crescita.

In sintesi, i primi mesi del 2009 fino a maggio hanno mostrato un significativo calo dei consumi dei prodotti di alta gamma nei principali mercati del mondo, mentre il mese di giugno ha mostrato una diminuzione sensibile del trend di peggioramento.

Santo Versace, Presidente Fondatore di Altagamma afferma: “Anche il settore della moda risente della crisi finanziaria ed economica mondiale, e non poteva essere diversamente. Ma ci sono segnali, a giugno e a luglio, che fanno pensare a un notevole miglioramento. C’è una regola d’oro che accomuna le imprese dell’alto di gamma, e che si conferma valida anche alla prova di quella che è la più grande crisi dei tempi recenti: chi punta sulla qualità e non viene a compromessi, chi tiene duro e non svilisce il valore del proprio marchio, chi punta sulla creatività alla lunga viene premiato“.

Written by Redazione

Una valigia… da corsa

S.T. Dupont, accendino in oro e diamanti