La più bella mostra di minerali al mondo

La Specola di Firenze ospita la collezione Giazotto
Un tempo si chiamavano “camere delle meraviglie” ed erano le prime pseudo-scientifiche collezioni di storia naturale. Gli studiosi collezionavano i loro indirizzi e creavano autentici taccuini d’appunti alla ricerca di oggetti naturali e stranezze da osservare e studiare, così da mettere un po’ di ordine nel mondo del creato.

Milano, Venezia, Napoli e Firenze i centri più vivi in Italia. E proprio al Granduca di Toscana Leopoldo De’ Medici si deve la fondazione de La Specola, nel 1775.

Gli splendidi locali di Palazzo Torrigiani sono divenuti da allora il centro di una ricerca destinata a dare una sistemazione organica e razionale alle raccolte scientifiche medicee, già allestite presso la Galleria degli Uffizi.

Oggi quell’atmosfera rivive in questo che è il più antico Museo di Storia Naturale d’Europa. Dall’1 aprile all’1ottobre a La Specola si trova ospitata la più bella mostra di minerali al mondo, la collezione Giazotto.

Amante fin da piccolo di queste affascinanti concrezioni di atomi e trasparenze, Alberto Giazotto ha dedicato la sua vita alla collezione e allo studio dei cristalli, divenendo un importante fisico particellare, a capo di importanti progetti scientifici internazionali. Dai viaggi e dalla sua “magica ossessione” deriva questa raccolta di oltre 500 esemplari provenienti dalle miniere esaurite di tutto il mondo, dal Sud Africa al Brasile, dall’Afghanistan alla Cina, dalle Alpi al Mediterraneo.

Un mondo affascinante e ancora per molti sconosciuto, oggetto di ricerca, collezionismo, studio, superstizione e commercio, da non perdere nella culla del Rinascimento e della cultura italiana.

Cristalli. La più bella mostra di minerali al mondo
Museo di Storia Naturale – La Specola
Via Romana 17, Firenze
1 aprile – 1 ottobre 2009
Orario: tutti i giorni 9.30 – 16.30
+39.055 2654321
www.mostracristallifirenze.it

English version

Avatar

Written by Francesca

La chirurgia plastica al tempo della crisi

L’eccellenza nel bicchiere