Luxgallery > Fashion > La moda e la sostenibilità: i nuovi stilisti emergenti 2019

La moda e la sostenibilità: i nuovi stilisti emergenti 2019

Cambiare la moda attraverso la sostenibilità. L’ispirazione al retrò è il nuovo segreto per cambiare la moda attraverso i giovani designer.

La moda è in un periodo di forte cambiamento, l’obiettivo 2019 è quello di indirizzare una nuova generazione di talenti a cambiare completamente l’industria del fashion dall’interno, sperimentando approcci sempre più sostenibili e realizzare nuovi capi coloratissimi senza rinunciare al tocco chic. Sì, perché l’attenzione all’ambiente è diventata fondamentale nella nuova generazione moda. Il segreto è combinare materiali riciclati con tessuti eco-compatibili, abiti con un mix di colori super accesi e qualche dettaglio vintage. Fondamentale è salvare l’ambiente dai terribili effetti dell’inquinamento causati dai rifiuti dell’industria dell’abbigliamento.

Davide Grillo

I designer italiani emergenti della moda etica

L’Italia è ad oggi la principale produttrice di moda sostenibile di lusso. Da pochi anni Milano si organizza un evento per giovani designer emergenti di tutto il mondo (Green Carpet Talent Competition), ha come obiettivo ridefinire il concetto di sostenibilità nella moda, avvalendosi della filiera italiana. Sono stati selezionati in questa edizione cinque nuovi talenti: Davide Grillo, Gilberto Calzolari, Behno, Wrad e Teatum Jones. I giovani designer hanno proposto numerose innovazioni nel campo dell’abbigliamento come: paillettes tagliate al laser create con bottiglie di plastica riciclata, pelle tinta con rabarbaro, grafite riutilizzata dai processi dell’industria hi-tech e decolorazioni chimiche.

Miguel e Priya Ahluwalia

La vincitrice di H&M Design Award 2019: Priya Ahluwalia una moda tutta green

Priya Ahluwalia è una designer unica della nuova generazione green. Nuova stilista che ama la sostenibilità e mixa vestibilità e moda. A dimostrazione che la moda è attenta all’ambiente nella scelta di tessuti 100% naturali e alla produzione a chilometro zero. Priya è laureata presso l’Università di Westminster a Londra e grazie agli H&M Design Award 2019 vince un premio in denaro di 50.000 Euro. Il concorso di H&M è volto ad incentivare la cosiddetta moda etica che la Treccani definisce come “modo di pensare, fare e indossare una moda responsabile, che si preoccupa di salvaguardare le eccellenze dell’artigianato, e di essere il meno possibile di impatto sull’ambiente”. Tre sono le caratteristiche fondamentali della moda sostenibile: biologico, sociale e di recupero. Priya studia affondo le sue origini nigeriane e indiane che riporta poi nelle sue collezioni, attraverso i tessuti, per adesso la sua collezione è prettamente maschile. Uno stile sportivo e divertente per i colori e le forme utilizzate, ma allo stesso tempo minimale e super chic. Anche cantanti come Miguel scelgono di indossare gli abiti realizzati da Priya.