La moda ecosostenibile di NVK DayDoll

Capi versatili e funzionali

NVK DayDoll è un nuovo brand di moda lanciato da Natasha Calandrino Van Kleef.

Eclettica architetto di nascita londinese, si è laureata al Politecnico di Milano ed è tra gli autori del Manifesto dello Slowdesign, codice di regole per un design ecosostenibile.

Di questa expertise Natasha Calandrino Van Kleef ne ha fatto un punto di partenza per introdursi nel settore moda, prima con Genesi, una linea di gioielli che si ispirano alla forma elicoidale del DNA e poi con la collezione NVK DayDoll, che dal 2010 è un esempio tangibile della declinazione dello Slowdesign nel modo del fashion.

Alla base di questo progetto non solo la creazione di capi di abbigliamento ma anche la promozione di uno stile di vita volto al sentirsi bene e basato sulla praticità e sulla semplicità, senza venire meno all’eleganza e alla seduzione.

Dalla linea beachwear, la prima nata, alle proposte per la città.
Realizzati in un doppio strato di Modal in double face (una fibra 100% naturale derivata dalla cellulosa e composta da filati italiani certificati con origine preferenziale CEE), questi capi sono ideali per tutte le stagioni permettendo infatti di conservare il tepore del proprio corpo anche alle temperature più fredde.

A caratterizzare i capi NVK e NVK DayDoll la praticità.
Totalmente versatili non occupano spazio e si lavano in acqua fredda con pochissimo sapone. Non avendo ganci ne chiusure e grazie a un sistema innovativo a due fasce che si agganciano tra di loro questi capi garantiscono una buona vestibilità esaltando le forme femminili.

Ma non solo moda donna. Da qualche tempo infatti NVK DayDoll ha implementato le sue proposte con una linea Kids (5-12 anni), una collezione intimo uomo e una linea accessori.

Naturalmente i capi NVK e NVK DayDoll sono anallergici, vengono prodotti in un laboratorio a impatto ambientale 0 oltre che confezionati in un pack ecologico in tnt.

NVK DayDoll

www.nvkdaydoll.it

Written by Francesca

Mulberry cruise collection 2015

Royal Baby, il regalo di Obama