L’amarone conquista la cucina cinese

Rubinelli VajolConquistare l’ampio mercato cinese è il desiderio, se non il sogno, di ogni produttore di vino.

Ma conquistare la cucina cinese è un’impresa ancora più dura. Non è facile trovare il vino giusto da abbinare ad una cucina tra le più variegate e fantasiose al mondo. Piatti fortemente speziati, ma anche ricette molto delicate; riso, pesce e verdure, preparate al vapore, alla piastra o al cartoccio.

La sfida è stata vinta dall’azienda Rubinelli Vajol, importante realtà della Valpolicella, diventata famosa ed apprezzata per l’eleganza e la finezza del suo Amarone.
Quattro i vini dell’azienda di San Floriano che sono stati scelti come migliori abbinamenti per accompagnare un apposito menù, pensato e realizzato dagli chef del ristorante “Jade Cafè” a Milano, a pochi passi dal Duomo. Un menù composto da alcuni tra i più importanti piatti della tradizione cinese.

Per gli antipasti, più delicati, è stato scelto il Valpolicella Classico 2010, un vino ricco di aromi fruttato e dotato di una buona freschezza.
Perfetto nell’abbinamento con la Sfoglia al profumo di cipollotti, seguita dai famosi Gamberetti saltati, l’immancabile Coscia di Pollo allo Zenzero, e l’originale Radice di Fior di Loto ai Pinoli.
Nota caratteristica del Valpolicella Classico Rubinelli Vajol è il forte legame con il territorio della Valpolicella Classica e l’uvaggio in linea con la tradizione: Corvina 45%, Corvinone 35%, Rondinella 15% e Molinara 5%. Le uve, selezionate e raccolte a mano, fermentano per circa 25 giorni per poi affinare in acciaio. Una scelta che permette di ottenere un prodotto che, servito intorno a 16-18 gradi, si accompagna molto bene anche con i piatti a base di pesce.Valpolicella Classico Superiore 2008 Rubinelli Vajol

Per i primi piatti, il testimone passa al Valpolicella Classico Superiore 2008. Una vera sorpresa che, senza esagerare, può essere definito come un “baby Amarone”. Prodotto con il Corvina (50%), Corvinone (25%), Rondinella (5%), Molinara (5%) e la sapiente aggiunta dell’Oseleta (5%) vitigno autoctono sempre più apprezzato. Uve che, prima di essere pressate, subiscono un breve appassimento di circa 20 giorni. Pochi rispetto ai 120 giorni dell’Amarone, ma sufficienti a conferire aromi e profumi che richiamano da vicino proprio il grande Amarone.
L’affinamento è di 12 mesi in botti di rovere. Il risultato è un vino che accompagna bene patti più elaborati come i Fagottini di Gambero, i Ravioli ripieni vegetariani e i Capelli d’Angelo di Soia.
Il Valpolicella Classico Superiore Rubinelli Vajol, si distingue per un ricco bouquet aromatico, accompagnato da un buona struttura tannica, una buona freschezza ed un grado alcolico di 14%.

Con i secondi, scende in campo l’Amarone Classico 2007. Un’ottima annata, interpretata in modo eccellente dall’azienda Rubinelli Vajol. Un Amarone importante, ma non eccessivamente muscoloso. Il grado alcolico c’è, 16% ed oltre, ma è ben bilanciato da una perfetta struttura, da un’ottima freschezza e da un corredo aromatico di tutto rispetto. Un buon esempio di come deve essere un vino ben equilibrato.
L’eleganza e la finezza dell’Amarone Classico Bisol ben si adatta ai due piatti della tradizione cinese proposti dagli chef del “Jade Cafè”, Anatra arrostita alla moda di Canton e Maiale stufato con rapa bianca Hangzhou. Ma può ben figurare anche con importanti piatti a base di pesce. Anche in questo caso, uvaggio tradizionale: Corvina 40%, Corvinone 40%, Rondinella 10%, Molinara 5% ed Oseleta 5%. Uve lasciate appassire fino a gennaio – febbraio. L’affinamento avviene in botti da 30 hl, per circa 24 mesi.

Infine i tipici dolci cinesi che trovano il giusto abbinamento con il Recioto 2010, una novità presentata per l’occasione.
Si tratta infatti del primo Recioto che l’azienda Rubinelli Vajol mette sul mercato. Un vino dolce, ma senza eccedere. Un piccolo gioiello che ben figura al fianco dei suoi fratelli maggiori.
Oltre al buon abbinamento con i dolci cinesi, il Recioto Rubinelli Vajol, è perfetto per accompagnare il cioccolato, meglio se speziato al pepe bianco o al peperoncino. La sua delicatezza lo rende ottimo compagno anche di mousse e dolci al cucchiaio di cioccolato.

www.rubinellivajol.it

www.giardinodigiada.it

Danilo della Mura

Written by Francesca

Tim Burton, rassegna a Parigi

Capelli autunno inverno 2012-2013: i trend