Kate Middleton, no all’epidurale

E il Principe Harry festeggia al pub

Erano circa le 6 del mattino del 22 luglio 2013 quando Kate Middleton ha raggiunto il St Mary’s Hospital accompagnata dal marito, il Principe William, pronta a dare alla luce il suo primogenito.

Il Principino George, poi, è nato alle 16.24, quindi dopo più di 11 ore di travaglio, contando che le prime doglie della futura mamma sono cominciate a Kensington Palace prima di raggiungere l’ospedale di Paddington.

Secondo indiscrezioni oltremanica, la duchessa di Cambridge avrebbe avuto un parto completamente naturale senza assunzione di antidolorifici e senza ricorrere all’epidurale.

A monitorare la situazione, quattro ostetriche e il ginecologo della Regina, Marcus Setchell, che pare abbia ritardato la sua pensione proprio per essere presente alla nascita del royal baby.

Quando l’erede al trono è nato erano presenti l’ostetrica Venkatesh, il dottor Setchell, il suo assistente consulente ostetrico, Guy Thorpe-Beeston, e il dottor Sunit Godambe.

In quel momento, un’emozionatissima Kate ha preso subito in braccio il bebè davanti agli occhi adoranti del marito William.

Mentre suo fratello era alle prese con uno dei momenti più importanti della sua vita, Harry ha deciso di aspettare la lieta notizia in uno dei posti che assolutamente preferisce di più.

Pare che il novello zio abbia festeggiato la nascita del suo primo nipotino al The Brown Cow, un pub di Fulham di proprietà del suo amico Mark Dyer, lo stesso dove a gennaio aveva organizzato il party per celebrare il suo ritorno dall’Afghanistan.

A quanto pare, il principe era in compagnia di alcuni amici e alle 19, nel momento esatto dell’annuncio, c’è stato un fortissimo boato di felicità che è risuonato anche nei quartieri vicini.

In fondo Harry è stato chiaro: “La mia missione come zio sarà sicuramente assicurarmi che cresca bene, tenerlo fuori dai guai e fare in modo che si diverta. Il resto lo lascio ai genitori”.

Kate Middleton, il Principe William e il figlio George

Avatar

Written by Monica

Philippe Starck firma case ecologiche

Trussardi per la Juventus