J. K. Place Firenze e the Lounge : accoglienza, raffinatezza e armonia

Sensazioni, colori, materie e forme che hanno radici nel moderno e declinano i temi nel passato

All’esterno sembra solo l’ingresso di un bel palazzo storico ristrutturato.
Una volta dentro si scopre una piccola oasi di tranquillità affacciata sulla piazza di Santa Maria Novella a Firenze.
Il J.K. Place è stato inaugurato il 1° Marzo. È un nuovo hotel, nel cuore di Firenze, nato sotto il segno del lusso, della tradizione e del fascino, diretto da Ori Kafri, ex responsabile e menager del Seven-One Seven di Amsterdam.

L’architetto fiorentino, Michele Bonan, ha firmato il progetto, forte dell’esperienza maturata in molti anni di lavoro che hanno portato alla nascita di altri alberghi della sua città natale e dell’hotel Casa Tua, a Miami.
In origine, JK Place era un condominio storico della città. Ci sono voluti due anni di restauro, riutilizzando i differenti materiali presenti, per far nascere questa struttura.

L’albergo è composto da 20 stanze, realizzate non seguendo i canoni stilistici tipici di un hotel, ma ricreando spazi dall’atmosfera intima e elegante. Tutte le camere sono dotate di ogni comfort high-tech che corona l’armonia stilistica; l’ospite ha praticamente tutto a disposizione per sentirsi come a casa propria. Letture, CD, DVD e drinks sono offerti gratuitamente per il vero relax a 5 stelle.

Il J.K. Place è un luogo senza tempo, un’originale classicità, un assoluto stilistico che fonde in un perfetto equilibrio colori e materie. Lo spirito contemporaneo è visibile già dall’ingresso in parquet nero che anzichè condurre a una hall, pone in comunicazione i vari locali al piano terra: una lounge con soffitti a cassettoni dipinti e un antico camino in marmo accostati alla modernità dell’arredamento, da cui si accede a una suggestiva biblioteca.
In fondo al corridoio si apre un ampio locale dall’originario pavimento in pietra serena che una volta era la corte interna dell’edificio e che oggi viene eletta a sala per la colazione con un grande tavolo centrale e una sala eclettica dallo stile fusion adatta a ogni occasione.

All’interno di questa struttura gli ospiti potranno trovare non solo un ristorante e un bar, ma un luogo esclusivo.
Il The Lounge è il nuovo salotto di Firenze, l’indirizzo chic della città.
Sviluppato su due piani, il locale si affaccia sulla storica piazza con una zona esterna che riproduce il ponte di uno yacht: tek per il pavimento e le sedute rivestite con cuscini blu per godere le belle giornate di sole, anche in inverno.

Il primo piano, ambiente decisamente lounge, è diviso in due spazi dove corre ininterrottamente il parquet nero. C’è un vero salotto dove sedersi di fronte al caminetto sempre acceso, per un aperitivo, per una cena, o semplicemente per rilassarsi. Sulla parete opposta iniziano i tavoli del ristorante.

Nel secondo ambiente, due divani oversize color crema, punteggiati di cuscini in seta dai colori pastello, invitano i clienti ad assaporarne atmosfera. Una ringhiera delimita la scesa al piano inferiore dove, come una sequenza di chiaro-scuro, si trova un volume luminoso, un salotto con sedute e tavoli bassi.

Le due stanze contigue, vera zona ‘bar’ del locale, sono quasi sexy per la combinazione delle luci programmabili nella cromia che rendono l’atmosfera avvolgente.

La ristorazione inizia alle 12 per arrivare ininterrottamente fino alle 1.30 di notte, proponendo un menu creato su basi semplici, ma con ingredienti di qualità. Si cena senza restrizioni di tempo: si può prendere un caffè o un aperitivo, lasciarsi tentare dall’ultimo dolce à la carte o degustare del vino o sorseggiare del te, concedersi un lunch veloce o un dopo teatro.

The Lounge è sinonimo di servizio a 360: punto di riferimento per prenotare teatro e mostre, per lasciare in consegna i pacchi dello shopping o leggere quotidiani e libri, fino al servizio di shuttle per l’aeroporto, all’accesso internet wireless e a una serie di ‘leisure-activities’.

www.jkplace.com

Avatar

Written by Redazione

Hotel Santa Caterina di Amalfi: paradiso di autunno

Glenfarclas, tradizione e qualità