JeanRichard Bressel 1665 “Ago”

Firmato Giacomo Agostini un importante Cronografo Rattrappante Foudroyante

Una delle consuetudini più radicate nel mondo del collezionismo, è quella di credere che ogni specifico settore non abbia dei punti di incontro con gli altri. Di conseguenza, chi collezione quadri penserà solamente ai quadri, chi colleziona vini possiede solamente un’enormità di bottiglie, e così via per tutto il resto. In realtà l’orologio, proprio per la sua specificità, si presta molto bene anche a delle collezioni orizzontali. Chi vorrà ad esempio possedere tutti i cimeli di una grande attrice, non potrà fare a meno di conservare anche i suoi orologi. Lo stesso vale anche per gli esperti in militaria, che accanto a fucili e baionette, potrebbero tranquillamente inserire qualche bel regolatore da osservatore o cronografo con funzione fly-back.

Questo discorso può naturalmente essere utilizzato anche per chi ama il mondo dei motori, visto che molto spesso proprio gli orologi sono divenuti protagonisti o co-protagonisti di momenti o persone importanti (provate a immaginare quanto potrebbe valere uno degli orologi indossati dal grande Gianni Agnelli sopra il polsino della sua camicia?). E’ quindi con quest’occhio che dobbiamo guardare il Bressel 1665 “Ago” della JeanRichard, presentato durante il Salone di Ginevra. Questo modello è dedicato al grandissimo Giacomo Agostini, il pilota motociclistico che ha conquistato il maggior numero di titoli iridati, vincendo 123 Gran Premi e riuscendo a guadagnare il podio in 160 delle 187 gare, valide per il titolo mondiale, alle quali ha partecipato: l’unico poi ad aver conseguito un numero di titoli iridati, ben 15, superiore al numero delle stagioni disputate, 14 in tutto. Per un ambasciatore così importante la JeanRichard ha realizzato un orologio realmente importante: un Cronografo Rattrappante Foudroyante prodotto in edizione limitata a soli 50 pezzi. Un vero pluricomplicato quindi, destinato agli amanti (facoltosi) delle due ruote oppure ai cultori della bella meccanica di alto livello. Il suo cuore è un movimento meccanico di manifattura a carica automatica, da 13 linee e 1/4,  40 rubini, frequenza 28.800 alt. /ora, visibile attraverso il fondo trasparente sul quale è stata riprodotta la firma Ago. Parimenti importante anche la cassa da 42 mm, realizzata interamente in palladio (metallo prezioso riconducibile al platino ma più leggero di quest’ultimo) e personalizzata con due differenti colori di quadrante: argenté o nero.

In definitiva un orologio interessante, che trova al suo interno più di un motivo da collezione e che non potrà non continuare a far parlare di se anche in futuro.

Paolo Gobbi

English Version

Avatar

Written by Francesca

Roberto Cavalli e la shopping bag per la Notte Bianca della Moda

Colombo 37 Alldays