Itama SeventyFive: linea slanciata e potenza

È arrivata la nuova ammiraglia della flotta del cantiere italiano, che unisce classe, tecnologia e abitabilità

Itama ha presentato la sua nuova ammiraglia, Itama SeventyFive, un settantacinque piedi filante e slanciato nato grazie all’impegno dell’Engineering Department di Itama e del Gruppo Ferretti in collaborazione con  lo yacht designer Marco Casali.

Ammiraglia della flotta Itama, ha la linea disegnata per esaltare le doti di potenza dello scafo, con prua molto alta, forte curvatura del profilo e slancio della struttura grazie al sottile tettuccio centrale.

Un approccio innovativo nella resa dei volumi ha portato a migliorare l’abitabilità con una maggiore differenziazione ed arricchimento funzionale degli spazi.

Il nuovo parabrezza è realizzato in carbonio – decisamente più leggero dell’acciaio – e cristallo, e stampato in autoclave, ha una lunghezza di ben 10,70 metri su un lato, per una larghezza di 4,50 metri. L’intero parabrezza sarà lungo perciò quasi 26 metri e presenta un ulteriore elemento innovativo, una grande apertura frontale a scomparsa che mette direttamente in comunicazione pozzetto e prendisole di prua, attraverso un originale passaggio centrale. In questo modo il percorso di accesso a tutta  la zona di coperta diventa comodo e sicuro, senza attraversare il trincarino.

Coniuga funzionalità e bellezza la struttura dell’avantop. Il pozzetto è sicuramente una delle aree progettate per distinguersi, sia per dimensioni che per dotazioni fuori dal comune, ottenendo per questi spazi il massimo di privacy ed abitabilità e sfruttando anche particolari scelte di illuminazione con led e fibre ottiche.

Gli interni si vestono di colori caldi, accoglienti, rivelando una generosa cabina armatoriale full beam a centro barca. I materiali sono pregiati: teak naturale effetto velluto, lana per le moquettes, pelle, frassino e wengé, con mosaici Bisazza per il box doccia.

Lo spazio dinette e la cucina offrono possibilità capaci di diventare autentico piacere.

Con due motori MTU da 1823 cavalli con propulsione Arneson ASD 14 il SeventyFive si spinge fino a 43 nodi di velocità massima e naviga comodamente a 38 di crociera. Verrà prodotta anche una serie limitata VHP (very high performance) che sarà disponibile con motorizzazione alternative per raggiungere i 60 nodi.

Il layout standard conterà quattro cabine – armatoriale, Vip full beam, una cabina ospiti con due letti separati, una con letti a castello – e quattro bagni, oltre ad una cabina doppia con servizi per l’equipaggio. L’imbarcazione sarà inoltre disponibile in una variante con tre cabine con bagno.

Vuoi essere sempre informato su notizie di questo genere? Iscriviti alla LuxLetter

Avatar

Written by Redazione

Quando il cioccolato ha il gusto di oro e diamanti

Mare D’amare, il Beachwear 2009