In carcere, il ristorante gourmand

Detenuti supervisionati dallo Chef Alberto CrisciRegalarsi una cena in un locale esclusivo è un lusso che una volta nella vita tutti dovrebbero concedersi.
Se poi il menù promette piatti dedicati ai palati più raffinati e per giunta a prezzi stracciati, beh si trasforma in un’occasione da non perdere.

All’interno del carcere di High Down, nella contea inglese del Surrey, è stato da poco inaugurato un ristorante davvero originale. Gestito interamente dai detenuti, sotto la supervisione dell’ex chef dell’esclusivo «Mirabelle» di Mayfair-Londra, Alberto Crisci, “The Clink”, la Gattabuia, regala serate davvero indimenticabili a base di cibo di qualità e servizio impeccabile.

Oltre a prendere le prenotazioni, la polizia penitenziaria si occuperà di fare tutti i controlli del caso. Unica pecca, le posate: sono in plastica… per ovvie ragioni di sicurezza.

English version

Written by Francesca

Il Barocco si scopre dal treno

Azuma, l’artista e l’uomo