I sapori liguri e provenzali in un luogo fuori dal tempo

Apre il 14 Luglio a Cervo, a picco sul mare, il ristorante Il Porteghetto di Pierpaolo Miraglio con lo chef Mauro Andolfi

Borgo medievale sul mare, protetto da torri e mura cinquecentesche e circondato da verdi colline: è Cervo, in provincia di Imperia, da anni certificato tra I Borghi più Belli d’Italia. Dominata da un castello medievale, ha un centro storico caratterizzato da edifici antichi e vicoletti ciottolati dove si trovano botteghe di artigiani ed artisti.

Qui, tra il mare e gli scogli, aprirà il 14 Luglio il ristorante Il Porteghetto, nome che risale al 1800: sorge infatti nel luogo che era, per il facile accesso a terra, il porticciolo (porteghetto in ligure) dove i pescatori attraccavano per scaricare il pesce appena pescato.
Il proprietario è Pierpaolo Miraglio, un amore sfrenato per il mare e una passione incontenibile per la buona cucina, al timone con la moglie Patrizia, che ha lasciato il mondo della moda per trasferirsi nel borgo ligure.
Ai fornelli lo chef Mauro Andolfi, una stella Michelin, che ha realizzato un menù essenziale ma di altissimo livello, prediligendo la freschezza e la semplicità degli elementi da presentare ai quaranta ospiti che, ogni sera potranno gustare le ricette della tradizione ligure e della vicina Provenza.
Il menù, con specialità di pesce e crostacei, privilegia la freschezza dei prodotti: gli ingredienti del pescato possono variare, naturalmente, così come è intenzione dello chef cambiare spesso le proposte, per offrire elementi esclusivamente di stagione.

“Le ricette scelte per il nostro primo menù – sottolinea Miraglio – sono interessanti: si passa dalle stirate taggiasche all’astice, pasta fatta in casa con patè di olive taggiasche e astice, ai crostacei alla provenzale, con aragoste, astice e gamberi di Oneglia spruzzati con pomodoro fresco a dadini e prezzemolo. Presto metteremo anche in menù piatti adatti a chi ha intolleranze alimentari per andare incontro alle esigenze di quanti devono fare i conti a tavola anche con queste problematiche, per altro sempre più diffuse”.

Per quanto riguarda il vino, la cantina conta, per ora, cinquanta etichette con buona scelta tra bianchi locali, come Pigato e Vermentino, bianchi tradizionali veneti, rossi e rosati, come il Rossese di Dolceacqua.
Entrando, si ha subito la netta sensazione di essersi imbarcati su uno yacht di charme: l’ambiente si presenta nei colori tenui della vaniglia, minimalista negli arredi, perché il protagonista deve restare assolutamente il mare, diviso dai commensali solo da una vetrata a tutta parete.
Il ristorante si aggiunge al Beach Café, posizionato al di sopra, che osserva la classica apertura stagionale, da primavera all’inizio dell’autunno.

“Il Ristorante Porteghetto – commenta Miraglio – è stato rilevato da me e Patrizia nel 2004 dai precedenti proprietari con l’obiettivo di completare un servizio di ristorazione e di ospitalità per i nostri ospiti abituali del Beach Café e per offrire un punto di ritrovo di alto livello gastronomico. Per questo, al momento di ristrutturarlo, abbiamo volutamente scelto di valorizzare un luogo che era già bello di suo, e creato una location semplice nella sua eleganza, tale da non rubare la scena alla vista magnifica. Le pareti naturali del locale sono due: da un lato il mare, dall’altro la scogliera a vista che occupa uno spazio importante del locale”.

E pensare che un tempo, dove ora sorgono caffé e ristorante c’era un pollaio. Nel 1958 il figlio dell’allevatore ha costruito un semplicissimo bar che è diventato, grazie alla splendida posizione un luogo di ritrovo per giovani e VIP in villeggiatura a Cervo e dintorni.

Il Porteghetto
Via Aurelia, 9 – Cervo
tel. 0183400047
www.porteghetto.com

Aperto la sera, dalle 20:00 in poi, prenotazione obbligatoria
Chiuso il mercoledì, Agosto aperto tutti i giorni

Avatar

Written by Redazione

Lo shopping? Vado a farlo a Hong Kong

Lovable in spiaggia