Il Volo vs Donald Trump: “Non appoggiamo la xenofobia”

Rebecca Fassone
06/01/2017

Il Volo vs Donald Trump: “Non appoggiamo la xenofobia”

Il Volo contro Donald Trump, non canteranno alla cerimonia del 20 gennaio: “Siamo contro le sue idee”Dopo il grande (o presunto) rifiuto di Andrea Bocelli, anche Il Volo dice no a Donald Trump. Il trio di cantanti italiani, infatti, ha esternato il “no” secco al neo-eletto Presidente degli Stati Uniti che li avrebbe voluti esibirsi durante la cerimonia d’insediamento del 20 gennaio.

Dopo Bocelli, anche Il Volo dice no alla cerimonia d’insediamento di Donald Trump: Piero Barone, Ignazio Boschetto e Gianluca Ginoble hanno rifiutato di esibirsi nel corso della cerimonia del 20 gennaio che vedrà il tycoon americano insediarsi come successore di Barack Obama. Barone, Boschetto e Ginoble si sono infatti detti contrari alle idee del neo-eletto Presidente Donald Trump, che definiscono populista e xenofobo.

In particolare, in un’intervista al Corriere della Sera, i tre spiegano “Non siamo d’accordo con le sue idee, non possiamo appoggiare chi si basa su populismo oltre che su xenofobia e razzismo” e aggiungono “Non va criminalizzato chi canterà per Trump, così come chi non lo fa”. Ma cosa potrebbe succedere a Il Volo dopo questo grande rifiuto? A loro dire, il successo che hanno negli USA non dipenderà da questa scelta: “Chi ci ama ci seguirà ugualmente” spiegano convinti della loro decisione. I tre giovani de Il Volo non sono però gli unici ad aver voltato le spalle a Donald Trump: oltre a Bocelli, infatti, anche Gene Simmons, Justin Bieber, Bruno Mars, Katy Perry e Justin Timberlake hanno detto no al neo-eletto Presidente.