Il meglio e il peggio del 2008

Redazione
23/12/2008

Il meglio e il peggio del 2008

Gli In & Out del lusso, tra stile e stravaganza
Natale, tempo di bilanci e valutazioni. Ripercorriamo, come ogni anno, i 12 mesi trascorsi per rivedere ciò che ci ha saputo stupire, per magia o bizzarria, tra accessori pittoreschi e grandi progetti.
Ecco gli In & Out del lusso, per ogni categoria di Luxgallery.

Abitare. Se l’idea del futuro sono i sistemi Digitart, che permettono di controllare con un tocco ogni elemento della casa, dalle luci alle tende, dalla musica alla sicurezza, eccessivi sono i Gold Alluminium Laminate di 3form, pannelli da muro in oro.

Arte e cultura. Meritevole di lode è sicuramente l’attività della Triennale di Milano, con un calendario sempre ricco di mostre ed eventi, con un’attenzione particolare ad artisti e correnti poco conosciuti e con l’apertura verso altri settori, come il design o la moda, seguendo così canali diversi rispetto a quelli canonici. Di contro, le discusse opere di Damien Hirst. Arte o provocazione? Ai posteri l’ardua sentenza.

Barche. Lussuoso, fuori dal comune e raffinato è il rivestimento per interni di superyacht fatto interamente di tessere di madreperla di Alvaro de Ferranti. I tasselli realizzano differenti forme marine, sfruttando il contrasto tra la lucentezza del materiale e le cromie più scure delle conchiglie degli abaloni. Stravaganza ed eccesso a partire dal design esterno per Oculus, concept yacht di 180 metri, che richiama nella forma un mostro marino.

Beauty. Si fa sempre più strada la ricerca di prodotti naturali che aiutino a ritrovare la propria bellezza e il proprio equilibrio psicofisico. Uno di questi è l’olio di argan, fonte inestimabile di elementi benefici.  Artificialità ed esuberanza, invece, per le lenti a contatto con lacrime di cristalli e quelle decorate con Swarovski, ideate le prime dal designer olandese Eric Klarenbeek, le seconde dall’indiano Sparkle.

Fashion. Il 2008 è l’anno del 125° anniversario di Bulgari. La maison ha festeggiato con un grande progetto benefico per sostenere la campagna internazionale di Save the ChildrenRiscriviamo il Futuro”. Lo stile e la preziosità diventano ancora più coinvolgenti quando sostengono un causa giusta. Stile che manca al cellulare in edizione super limitata dedicato alla regina dell’antico Egitto, Nefertiti, ornato da una profusione di gemme.

Gusto. Magia ed effervescenza per la Jeroboam Moët & Chandon Rosé Impérial racchiusa nell’Indulgence Coffret, uno scrigno laccato a mano in legno pregiato, rivestito di pelle all’interno. Certamente curiose ma poco invitanti, la Sapporo Space Barley, birra ottenuta utilizzando piante di orzo cresciute sulla Stazione Spaziale Internazionale, e la Fossil Fuel, prodotta in California da due biologi con un lievito di 25 – 45 milioni di anni fa, il cui DNA è stato estratto da un pezzo di ambra birmana e riattivato in laboratorio.

Motori. Insuperabili la grinta e il design della GranTurismo MC Concept di Maserati. Caratteristiche che mancano al futuribile due posti a tre ruote Aptera, seppur dotato di linee e sistemi originali, prototipo che sta per diventare realtà.

Tempo libero. Glamour, raffinatezza, lusso, feste, ospiti di eccezione in una location straordinaria: tutto questo è la Mostra del Cinema di Venezia, vinto quest’anno da “The Wrestler“, di Darren Aronofsky. Il divertimento raggiunge la stravaganza quando a essere protagonisti sono gli animali, come è avvenuto a Lecco per il compleanno di un pastore tedesco.

Viaggi e vacanze. Il must è senza dubbio il saper coinvolgere tutti i sensi per esperienze a 360°, per festeggiare il Natale e non solo. Se tour e itinerari si svolgono nel rispetto dell’ambiente e delle popolazioni del luogo si raggiunge il top. Da bocciare, quindi, la spiaggia refrigerata di Palazzo Versace a Dubai.