Il lusso affascina gli italiani

Acquisti per dieci miliardi di euro nel 2006, anno in cui i consumatori sono cresciuti a quattordici milioni con una crescita del sette per cento

Crescono i consumi nella fascia lusso in Italia. Lo dice una ricerca, condotta in base a dati di numerose fonti, fra le quali Astra Ricerche, Consorzio Altagamma, Istat, Censis, Contromarca, e realizzata in occasione della quarta edizione del DeLuxe Costa Smeralda, che si svolge a Porto Cervo il 23 e 24 giugno 2007.

La crescita prosegue ormai da alcuni anni, dopo la crisi toccata nel 2003, con la riscoperta da parte di 4,2 milioni di compratori. Buone le prospettive anche per il 2007, in cui si attende un ulteriore incremento.

A essere coinvolti tutti gli strati sociali con acquisti per circa 10 miliardi di euro. Nel 2006 sono state oltre 14 milioni – con un aumento del sette per cento rispetto all’anno precedente – le persone che hanno acquistato con regolarità prodotti luxury, circa il 28% della popolazione con più di 15 anni. C’è poi una larga fascia di persone, circa 15 milioni, che li acquistano saltuariamente. Considerando l’insieme dei clienti (regolari e saltuari), i “fan” dell’esclusività in Italia sono circa 29 milioni, cioè il 58% della popolazione con più di 15 anni.

I principali trend del settore del lusso in Italia

La tendenza è quella di consumi attenti a qualità, valore e comunicazione.
Abbiamo, innanzitutto, il progressivo spostamento dai beni ai servizi, con la sempre maggiore rilevanza degli aspetti immateriali, connessi alla “happy shopping experience”. Acquistando il lusso ci si attende un’esperienza duratura nel tempo, accompagnata da un servizio di alto livello.
Si scopre poi una tendenza ad una riduzione della spesa per singolo prodotto o servizio, puntando sul miglior rapporto qualità prezzo. Infine si registra un crescente rigetto della comunicazione troppo aggressiva, specie nella pubblicità.

Chi sono i luxury consumers italiani?

Risiedono nel Centro Nord (64%) e per due terzi (66%) sono donne. Hanno formazione universitaria, sono recettivi a nuove informazioni e tendenze e fanno un uso massiccio di Internet. La classe socio-economica è quella medio-alta, con molte persone appartenenti alla classe media, specie per i consumatori saltuari. Questi dati confermano che il lusso interessa vasti strati sociali, in linea con il tradizionale gusto e stile degli italiani.

Il lusso nel mondo

Il business mondiale del lusso è stimato in circa 200 miliardi di euro e ha segnato un aumento di circa il 25% in tre anni in ogni settore dall’abbigliamento ai gioielli, dopo la crisi toccata nel 2003.
I maggiori acquirenti restano, per ora, Nord America (36%), Europa (34%) e Giappone (16%) ma negli anni è cresciuto il peso dei Paesi emergenti dell’area Asia-Pacifico (10%), in particolare della Cina. La quota restante (4%) è distribuita fra gli altri Paesi del mondo.
Le aspettative sono positive anche per i prossimi anni. Le aree in cui è atteso il maggior sviluppo del mercato del lusso sono la Cina (+50% nei prossimi anni), i Paesi in via di Sviluppo (+25%) e la Russia (+20%).

Chi acquista il lusso in Italia

2005 13 milioni di clienti, 26 % della popolazione
2006 14 milioni di clienti, 28 % della popolazione
2007 15 milioni di clienti, 30 % della popolazione

Dove si acquista il lusso in Italia

Centro Nord 64 %
Sud e Isole 36 %

Donne al top degli acquisti nel Belpaese

Donne 66 %
Uomini 34 %

Il mercato del lusso nel Mondo
Nord America 36 % del peso
Europa 34 %
Giappone 16 %
Asia-Pacifico 10 %
Resto del mondo 4 %

[email protected]
www.deluxeportocervo.com

Vuoi essere sempre informato su notizie di questo genere? Iscriviti alla LuxLetter

Avatar

Written by Redazione

Pitti Immagine Uomo 72: lusso ed eleganza

Arena di Verona: apre il Festival Lirico