Il grande antagonista

Bulgari entra nel mondo dei crono Sport-ElegancePensato da Bulgari come la punta di diamante tra i modelli celebrativi dei 20 anni del Diagono, il cronografo Calibro 303, visibile in foto nella sua ultima “evoluzione cromatica che sarà ufficialmente presentata a Basilea 2010, è forse anche quello che rappresenta in maniera assolutamente compiuta il nuovo corso di questa collezione.

Solo per fare un esempio, la sua cassa, frutto di un lungo lavoro di progettazione, è caratterizzata dalla nuova lunetta con profilo piatto in oro bianco: composta da 75 elementi diversi, prodotti da 85 strumenti che vi hanno effettuato 171 lavorazioni, è quanto di meglio si possa oggi offrire in termini di precisione e robustezza. Infatti ogni componente, per il quale si garantisce una tolleranza massima di ± 0,01 mm, viene controllato mediamente 3 volte, portando a 225 le misurazioni effettuate su ogni singola carrure.

Vero e proprio concentrato di know-how costruttivo, questo orologio presenta una grande cura dei particolari, come ad esempio la superficie antiscivolo a righe verticali sui due pulsanti cronografici, la doppia finitura satinata e lucida della cassa, oppure il disegno avvolgente del proteggi corona che ne garantisce appunto la sua protezione.

Il nuovo quadrante è realizzato su tre livelli con diverse finiture: base metallica con godronatura satinée soleil; livello superiore blu con trattamento verticale; contatori supplementari decorati a filetti circolari; indici sfaccettati, luminescenti e applicati a mano; réhaut esterno con minuteria sempre applicato a mano. Per realizzare i 16 componenti di ogni quadrante, sono necessarie 119 operazioni, che riguardano 20 “manualità” diverse e utilizzano ben 8 materiali differenti. Visibile attraverso l’oblò in vetro zaffiro posto sul fondello, il movimento è un calibro BVL 303, dove quest’ultimo numero rappresenta i componenti stessi che lo compongono: 303 appunto. Si tratta di una meccanica di manifattura, cronografo a carica automatica, caratterizzata dal profilo particolarmente sottile, che contribuisce in maniera determinante a rendere l’orologio piacevole da indossare.

Il suo sviluppo richiede 3.520 ore di lavoro e l’impiego di 10 differenti materiali: la sola platina base, lo scheletro del movimento stesso, richiede 250 diverse operazioni manuali di tornitura e lucidatura. Tecnicamente rilevante è il sofisticato sistema di smistamento delle funzioni cronografiche, realizzato con una ruota a colonne, mentre un pignone a innesto verticale garantisce l’assenza di saltellamenti durante le operazioni di avvio, stop e reset del cronografo. L’impermeabilità di 100 metri viene infine collaudata su ogni esemplare prodotto. Questa soluzione offre la più severa garanzia qualitativa all’utilizzatore finale.

Paolo Gobbi

Written by Paolo

Festa della donna, non solo mimosa

Il resto di Milano Moda Donna