Il Futurismo in mostra a Milano

Dal 20 febbraio alla galleria Arte Centro

Era il 20 febbraio 1909 quando, sul quotidiano parigino Le Figaro, Filippo Tommaso Marinetti pubblicava il Manifesto del Futurismo. Cade dunque quest’anno il Centenario di questo straordinario movimento culturale, tutto italiano.

Lo celebra la galleria Arte Centro di Milano, che dal 1963 rappresenta una vivace realtà culturale meneghina in cui convergono intellettuali, artisti e amatori d’arte, e che per questo importante compleanno presenta un’eccezionale antologia dal titolo “Futurismo e Aeropittura. Velocità e dinamismo dal Trentino alla Sicilia”.

Qui, dal prossimo 20 febbraio, saranno esposte al pubblico oltre 200 opere di 39 autori, come Prampolini, Dottori, Andreoni, Angelucci, e i più noti futuristi Balla e Boccioni, già al centro di un’interessante opera di recupero critico da parte della medesima galleria.

Nudo simultaneo di Boccioni, Canto patriottico di Balla, Squisito al selz Campari di Depero, Paesaggio urbano con luci artificiali di Severini e i capolavori di Baldessari, Prampolini, Dottori, rappresentano i pezzi forti di una mostra che intende celebrare, raccontandolo, cos’è stato il Futurismo in Italia, nelle sue declinazioni personali e regionali, lungo un arco temporale che si snoda dagli esordi dei primi anni Dieci, fino alle incredibili suggestioni dell’Aeropittura degli anni Trenta.

L’esposizione è stata pensata dal suo curatore, Flavio Lattuada, come un ideale itinerario artistico che attraversa tutto il Paese, dall’esaltante prima stagione del dinamismo e della modernità, passando per l’età del culto della macchina e del rigore, fino ai vortici portatori del senso degli aviatori-aeropittori.

ARTE CENTRO
Milano Via Dell’Annunciata, 31
Tel. 02.29000071
[email protected]
www.lattuadastudio.it

Orario: da martedì a sabato dalle 11-13 e dalle 16-19.30
Ingesso gratuito

English version

Avatar

Written by Francesca

L’Extravergine 2009

Volare sulla neve