Il business della moda in un libro

Chiara
06/07/2015

Il libro “Moda. Il nuovo made in italy” di Marco Magalini racconta chi sono i nuovi imprenditori della moda. La prefazione è firmata da Renzo Rosso, patron di Diesel

Il business della moda in un libro

I nuovi imprenditori del settore secondo Marco Magalini
Chi sono i protagonisti della nuova generazione di imprenditori della moda? Chi è oggi il testimone del bello e ben fatto italiano che ha reso grande il made in Italy nel mondo? Tolti i colossi internazionali, chi sta dominando la scena contemporanea della moda fatta in Italia? Quali sono i loro percorsi e i loro traguardi?”.

Ecco alcuni interrogativi a cui ha cercato di dare risposta Marco Magalini nel suo libro d’esordio che presenterà alle 18.30 di domani alla Biblioteca della Moda, in via Alessandria a Milano.

Il volume “Moda. Il nuovo made in italy”, edito da Giubilei Regnani, racconta le storie dei talenti di nuova generazione, italiani e non, che hanno deciso di produrre le loro collezioni di moda in Italia e che hanno la responsabilità di tramandare l’eccellenza manifatturiera e stilistica del nostro Paese.

Per sostenere il lavoro del giovane giornalista, è sceso in campo un imprenditore di successo del settore, Renzo Rosso, patron di Diesel (Only The Brave), che ha firmato la prefazione del libro.

Benedetta Bruzziches

Marco Magalini individua delle case history di successo che descrivono lo scenario contemporaneo della moda made in Italy. Una nuova generazione rispetto ai ‘padri fondatori’ del ready-to-wear italiano che sta traghettando il loro savoir faire nel futuro. Queste eccellenze si stanno distinguendo nei mercati internazionali per distribuzione, strategie innovative e profitti: Angelos Bratis, Benedetta Bruzziches, Camo, Casamadre, Christian Pellizzari, Co|te, Marcobologna, Paula Cademartori, Quattromani, San Andrès Milano, Stella Jean, SuperDuper Hats.

“Far funzionare un marchio della moda richiede doti di grande imprenditoria, tanto oggi quanto negli anni ottanta – afferma l’autore. – Non sono semplici stilisti, ma dei veri e propri businessmen che si trovano ogni giorno a confrontarsi con un dato di fatto: There’s more to running a fashion business than designing pretty clothes. La sfida è scommettere tutto su territorio, eccellenza manifatturiera, valori locali da vendere in uno scenario globale e complesso, alfine di costruire un business model di successo che possa durare nel tempo”.

Marco Magalini