Iginio Massari è un pasticcere da “fuori concorso”: ha ricevuto troppi premi

Nuovo record per Iginio Massari. Riceve tre torte d’oro dalla famosa guida Pasticceri & Pasticcerie di Gambero Rosso

Nuovo record per Iginio Massari. Riceve tre torte d’oro dalla famosa guida Pasticceri & Pasticcerie di Gambero Rosso. Ora è per regolamento fuori della competizione per aver ricevuto troppi riconoscimenti.

Tre torte d’oro per Massari

Il famassimo pasticcere italiano Iginio Massari entra afra parte dei record. Il noto artista della crema pasticciera infatti, ha ricevuto troppi premi. A Roma, nella serata di ieri, mercoledì primo dicembre 2021, Massari accoglie il premio Tre torte d’oro rilasciato dalla famosa guida Pasticceri & Pasticcerie di Gambero Rosso. A causa di questo però ora Iginio è “fuori dai giochi” perché fino ad oggi ha ricevuto troppi premi. Questo implica che Massari non potrà più essere giudicato dalla critica in futuro, per i meriti acquisiti. Diventa quindi un “fuori categoria”.

Iginio Massari

Iginio Massari come «un’icona dell’arte dolce»

La guida Di Gambero Rosso definisce Iginio Massari come «un’icona dell’arte dolce». Successivamente spiegando il premio a parole si commenta affermando: «Più che clienti si possono definire devoti adepti quelli che varcano la soglia di quello che è il regno del miglior pasticciere del mondo, maestro di tanti maestri che da lui hanno appreso determinazione e padronanza assoluta della tecnica. Talento da vendere e fiuto imprenditoriale hanno fatto il resto». 

Iginio Massari

Iginio Massari ha fondato la sua Pasticceria Veneto a Brescia ormai 50 anni fa. L’ambizione non gli è mai mancata: «È cosa molto positiva nel senso di ambire a diventare bravi studiando gli altri e noi stessi”, aveva detto al Corriere della Sera»

>> Guida Michelin 2022: tre donne protagoniste della nuova guida gourmet

 

Written by Ilaria Di Pasqua

Rihanna incinta di A$AP Rocky, il sospetto schiacciante dopo la cerimonia alle Barbados

Rihanna incinta di A$AP Rocky, il sospetto schiacciante dopo la cerimonia alle Barbados

Global Powers of Luxury Goods, in classifica 100 colossi del lusso mondiale: l’Italia occupa ben 24 posizioni