Idee di viaggio 2018: 18 città italiane da vedere nel 2018

Siete alla ricerca di idee di viaggio? Ecco 18 città italiane da vedere nel 2018

Dopo avervi illustrato le tendenze di viaggio del 2018, vi suggeriamo le 18 città italiane da vedere nel 2018 secondo Skyscanner. Il celebre motore di ricerca per viaggi ha selezionato infatti 18 centri urbani da vedere nel 2018, ricche di novità ed eventi, perfette da scoprire in ogni momento dell’anno, magari come parte di un itinerario a quattroruote.

Ecco quindi le grandi 18…

  • Milano: Milano ogni anno stupisce con colpi di scena, eventi confezionati “su misura” e nuove aperture stellari. A proposito di nuove aperture, la capitale meneghina si prepara a spalancare le porte di un nuovo museo: il Museo di Arte Etrusca presso il Palazzo Rizzoli-Bocconi-Carraro in Corso Venezia 52.
  • Parma: Parma è una mecca della gastronomia italiana, un tempio di leccornie tutte da degustare a partire da sua maestà il prosciutto, che viene omaggiato ogni settembre con il Festival del Prosciutto di Parma.
  • Trieste: Finché la barca va, stai a guardare… Così faceva la famose canzone della Berti, e così possono fare i turisti in quel di Trieste, quando tira forte il vento e le vele spiegate colorano il cielo del Golfo. Se la Barcolana è un buon motivo per visitare questa bella città italiana, consigliamo di raggiungerla il 14 ottobre 2018 in occasione della 50esima edizione di questa regata storica.
  • Pesaro: Il 2018 è l’anno di Pesaro, o meglio del grandioso compositore italiano de “Il Barbiere di Siviglia” Gioachino Rossini nato qui nel 1782. La città marchigiana festeggia così l’anniversario dei 150 anni dalla sua morte con grandi eventi e spettacoli lungo il corso di tutto l’anno: bisogna tenere d’occhio il calendario cittadino e partite alla scoperta di Pesaro e provincia, che ne avrà delle belle per melomani, e non.
  • Palermo: Sul podio delle 18 città italiane da visitare nel 2018 spicca Palermo, città di mercati, profumi e cultura! E infatti la bella siciliana è stata intitolata Capitale italiana della cultura 2018 dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.
  • Treviso: Il profumo del radicchio rosso condurrà fino qui, alla scoperta di una città che non mancherà di stupire, soprattutto tra dicembre e marzo quando questo dono della terra dà il meglio di sé, diventando il
    protagonista dell’inverno veneziano tra feste e sagre che prendono il nome di Fiori d’Inverno.
  • Salerno: D’estate è baciata dal sole, d’inverno brilla di luce propria, o meglio d’artista! Un ottimo motivo per visitare Salerno nel 2018 è sicuramente la famosa celebrazione che prende il nome di Luci d’artista e che si svolge durante tutto il periodo natalizio nella meravigliosa città campana.
  • Città di Castello: Proprio in questa ridente cittadina umbra è nato il celebre artista dei catrami, della plastica combusta, degli smalti e della iuta: stiamo parlando di Alberto Burri.
  • Vieste: Come nel 2017, la inseriamo nuovamente nella classifica delle città italiane da vedere nel 2018 perché è davvero stupenda con le sue rocce calcaree a picco sul mare del Gargano. E poi perché una volta qui a Vieste, perla della Puglia, si possono intraprendere grandi itinerari in macchina, come quello che con una quarantina di chilometri permette di raggiungere San Giovanni Rotondo.
  • Cagliari: Il 2018 è l’anno giusto per volare nella suggestiva Cagliari, dove si organizzerà una grandissima mostra sulla Sardegna e la storia del Mediterraneo. Nell’attesa di maggiori dettagli sull’evento invitiamo a programmare un viaggio nel capoluogo più a sud dell’isola, che merita una visita, e non solo per la meravigliosa spiaggia bianca del Poetto.
  • Trento: La città del Concilio aspetta i suoi visitatori tra storia, arte, sport e natura. Benvenuti a Trento, la capitale alpina per eccellenza dove i tesori romani si stringono per mano allo splendore medievale, per creare un gioiello architettonico sofisticato.
  • Breuil-Cervinia: Il Giro d’Italia 2018 passa anche per un’altra città italiana che vogliamo consigliare di visitare: Breuil-Crevinia, gioiello valdostano alle pendici delMatterhorn, una piramide di granito alta 4.478 metri definita “il più nobile scoglio d’Europa”.
  • Viterbo: La Tuscia saprà rivelarsi una grande sorpresa. Qui, tra tombe, borghi e reperti etruschi, dove storia e natura si incontrano, si trova Viterbo, capoluogo di provincia, città universitaria e luogo di magia.
  • Pisa: Il Palio di San Lorenzo compie 300 anni dalla sua prima edizione ufficiale del 1718. Allora il 17 giugno bisogna far tappa a Pisa, che in occasione dello storico palio in onore del suo santo patrono vede le quattro barche dei suoi quattro quartieri (San Martino, Sant’Antonio, Santa Maria, San Francesco) disputare in una favolosa regata sull’Arno!
  • Matera: Si tratta di una delle città nella roccia più spettacolari d’Italia e della Capitale della Cultura Europea 2019. In attesa dei grandi eventi che la travolgeranno e, diciamolo pure, invaderanno, consigliamo di visitarla nel 2018. Stiamo parlando di Matera, il capoluogo della Basilicata scolpito nella pietra tra chiese rupestri, cisterne nascoste e panorami mozzafiato.
  • Torino: Il 2018 è il centenario della scoperta della tomba del faraone Tutankhamon. Quale anno migliore per visitare Torino e il suo Museo Egizio? Secondo solo a quello del Cairo, questo luogo di fascino e scoperta vi continua a mostrare il suo nuovo allestimento, con tre piani colmi di pezzi che fino a tre anni fa erano chiusi nei depositi.
  • Sanremo: Il motivo per visitarla è sempre quello:”perché Sanremo è Sanremo! Il ritornello di Rudy Neri e della sigla del festival musicale più famoso d’Italia, che si svolge ogni anno nello storico Teatro Ariston, è diventato un mantra e un invito a visitare questa deliziosa città ligure che profuma di fiori freschi e brezza marina.
  • L’Aquila: Nel cuore dell’Abruzzo, ai piedi del Gran Sasso, si trova una città al tempo stesso forte come la pietra edelicata come la neve: L’Aquila, una meraviglia spezzata dal terremoto, ma oggi forte più di prima. Questa storica città universitaria, tanto amata dai turisti e dagli studenti, regala un patrimonio artistico notevole, con un centro costellato di palazzi e chiese una più bella dell’altra a partire dalla maestosa e altera Santa Maria di Collemaggio.

Written by Rebecca Fassone

Rosewood London: Afternoon Tea ispirato alle sculture di Rodin

Mostre Forlì 2018: ai Musei di San Domenico “L’Eterno e il tempo tra Michelangelo e Caravaggio”