I sentieri del Trentino Alto Adige da non perdere (con lo zaino in spalla)

Il Trentino Alto Adige è una meta che affascina non solo gli occhi, ma anche il cuore: i suoi sentieri e i percorsi di trekking, oltre che le passeggiate semplici danno la meravigliosa occasione di scoprire il territorio. Tra i più rinomati di sempre troviamo Madonna di Campiglio, unica nel suo genere, una camminata da fare assolutamente al tramonto, per salutare gli ultimi scampoli di sole sulle Dolomiti di Brenta.

Con lo zaino in spalla, vivere il Trentino Alto-Adige ti permette di avvicinarti a una cultura tradizionale e contadina, di essere a contatto con la natura più primitiva e profonda. Scegli i tuoi itinerari in Alto Adige, ma non dimenticare, durante l’organizzazione del viaggio, di prenotare l’alloggio: ti suggeriamo un hotel 5 stelle in Alto Adige, per vivere il massimo del comfort, tra relax e natura.

Madonna di Campiglio

Perché visitare Madonna di Campiglio? È un’eccellenza del Trentino Alto Adige, un sentiero che ti porterà a scoprire la zona delle Dolomiti di Brenta, ma non solo. Il sentiero del bosco porta al Lago delle Malghette, in cui è presente anche un rifugio per dormire alla notte dopo aver percorso il sentiero. La traversata è assolutamente panoramica: flora e fauna di una certa bellezza, pascoli sull’erba, pini mughi.

Val di Fassa

Le Dolomiti sono maestose, rigogliose, offrono uno spettacolo tipico raro al mondo. Grazie ai sentieri presenti nella Val di Fassa, il Trentino Alto Adige chiama a sé migliaia di turisti all’anno, stranieri e italiani. Ogni sentiero disposto sul territorio è ben tracciato, per consentire sempre di ritrovare la strada: diversi i livelli di esperienza, alcuni adatti anche per le famiglie in viaggio coi bimbi.

Nella Val di Fassa non perdere la possibilità di vivere Viel del Pan. Si trova proprio ai piedi della Marmolada: un tempo, era una strada commerciale. Che cosa si trasportava? Lo anticipa il nome stesso: il pane! Il sentiero ti permette anche di osservare il Lago di Fedaia: un paesaggio quasi mistico.

Tre Cime di Lavaredo

Le Tre Cime di Lavaredo sono Patrimonio dell’Umanità UNESCO. Le escursioni che si tengono qui richiedono un po’ più di allenamento, ma ne vale decisamente la pena. Puoi scegliere se salire le rocce, scalarle o fare il classico giro ad anello. Le Cime sono un simbolo delle Dolomiti, e nei loro pressi sono disposti molti rifugi in cui fermarsi a dormire o mangiare un bel piatto di polenta con funghi o formaggio.

Strada delle 52 Gallerie

Il Trentino è una meta ideale da scegliere sia in estate, che in inverno: il trekking è per tutti ed è perfetto per rigenerarsi. Un ulteriore scenario suggestivo ci viene regalato dalla Strada delle 52 Gallerie. Il panorama trentino si erge in tutta la sua magnificenza davanti ai nostri occhi: questa strada è un’opera di ingegneria militare da non perdere.

La passeggiata è aperta anche alle famiglie, dal momento in cui sono presenti lungo la strada alcuni cartelloni didattici che spiegano le motivazioni per cui è stata costruita. Il viaggio sarà dunque accompagnato alla scoperta della storia: fu costruita nel corso della Prima Guerra Mondiale.

Laghi Baselga di Pinè

Un’escursione che si dovrebbe fare almeno una volta nella vita: visitare i Laghi Baselga di Pinè. Una passeggiata che può essere fatta in circa tre ore, ideale anche per bambini, che potranno ammirare i vari laghi. Un piccolo paradiso in terra, per ricongiungersi alla natura.

Naturalmente, non dimenticare di portare con te i migliori bastoni da trekking e nordic walking: parti sempre con l’attrezzatura adatta per vivere le passeggiate in mezzo alla natura. Carica il tuo zaino in spalla e parti per il meraviglioso Trentino: un luogo a dir poco eccezionale.

Written by claudiodibona

Vittorio Sgarbi attacca Fedez sui social: “Sulle unghie lo smalto, nel cervello la ruggine”

Deva Cassel a Venezia per Dolce&Gabbana: cresciuta e uguale a mamma Monica Bellucci

Deva Cassel a Venezia per Dolce&Gabbana: cresciuta e uguale a mamma Monica Bellucci